Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player
 
ventinuovi2
 
Venti Nuovi nel Gruppo GITR-GPS
con Nuove Collaborazioni.

il Gruppo GITR-GPS (Gruppo Italiano Tumori Rari - Gruppo Piemontese Sarcomi) oltre che ONLUS per l’assistenza, la Formazione degli Operatori Sanitari, l’Informazione della Popolazione e la Ricerca sui Tumori a bassa incidenza (TR), apre ora una nuova attività: la discussione di tematiche scottanti su problemi di salute e di etica.

Sono graditi i contributi di Tutti, sempre nel rispetto delle idee e delle opinioni degli Altri.

Apriamo questa nuova sezione, che spero si arricchisca nel tempo, con due contributi molto graditi:

Due brevi articoli del Dr. De Angelis Infermiere di Oncologia, il primo sul ruolo della Professione Infermieristica nella prevenzione e terapia delle metastasi ossee e il secondo sulla necessità di praticare un’attività sportiva o almeno di movimento come prevenzione delle malattie oncologiche e durante le terapie antineoplastiche.

Un altro prezioso contributo ci proviene dal Dr. Garetto, Medico della S.C. di Oncologia dell’Ospedale Gradenigo e della Fondazione FARO che ha visto pubblicato sul quotidiano LA STAMPA, nella rubrica “Specchio dei Tempi” un suo articolo sulla necessità di ampliare sempre di più il ruolo e lo spazio delle Cure Palliative in Oncologia. Trovi gli Articoli alla fine di questa presentazione.

Siamo sempre e comunque aperti ad ogni contributo serio.

Per farci pervenire articoli, spunti e suggerimenti potete parlarne con un Medico o un Infermiere del Day Hospital o del Reparto Degenza di Oncologia.

 

Alessandro Comandone

Presidente

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Operatori Sanitari a "rischio"

Aiutaci con il 5 x 1.000

GITR - ODV-ETS

Ma è vero che?

Notizie Flash


  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...  
  •   
     
    IL FENOMENO
        
    Il problema sociale
    si va sempre più estendendo,
     ma non si intravedono all’orizzonte
    soluzioni razionali,
    mentre sarebbe opportuno
    spiegare alla popolazione
    potenzialità e limiti
    della Medicina.
     
     
     
    Da: Il mio giornale
    Dico la mia - Evidenza - 13 Gennaio 2023 - Ernesto Bodini

    Di: Ernesto Bodini

    Il diritto alla propria incolumità è certamente di tutti. Ma da un po’ di tempo a questa parte i sanitari (medici e infermieri) sono particolarmente “presi di mira” da pazienti e famigliari fuori di senno, accampando motivazioni che spesso (se non sempre) hanno dell’irrazionale.
    I rispettivi Ordini professionali sono di certo allertati e preoccupati, tanto che si vanno ipotizzando varie proposte per arginare questo fenomeno delinquenziale. Ma al di là dei provvedimenti che le autorità preposte intendano adottare, mi permetto di rilevare che anche in altri ambiti non si fa molta prevenzione, anzi…, e di conseguenza il moltiplicarsi di questi fenomeni delittuosi continua più estensivamente a “destabilizzare” la situazione politica e quindi i nostri politici stessi.
    Di questo passo la Sanità pubblica, che presenta già diverse lacune, farà sempre più fatica a tutelare la salute dei cittadini: dal decremento di medici e infermieri alle risorse economico-finanziarie e strutturali come la chiusura di ospedali, P.S. e la riduzione dei posti letto.
    Ma tornando alla incolumità dei medici, messa a rischio per le continue aggressioni negli ospedali e negli ambulatori, l’ultimo caso è di qualche giorno fa e riguarda la dottoressa Adelaide Andriani di 28 anni (Foto – ANSA), specializzanda in Chirurgia, aggredita dall’accompagnatore di un paziente durante il suo turno all’esterno della Guardia Medica del Gervasutta di Udine; in suo soccorso è intervenuta la collega Giada Aveni dello stesso turno. Secondo quanto riporta l’Ansa dell’11 Gennaio scorso, per tutelare il personale sanitario si ipotizza di far intervenire l’Esercito, ma a me sembra un provvedimento che rasenta l’eccesso e il paradosso; mentre non credo si stia pensando di predisporre ripetuti incontri ravvicinati con la popolazione, diffondendo elementi culturali di base su potenzialità e limiti della Medicina (includendo tutte le specialità) infondendo ad essa più fiducia.
    Credo che la maggior parte di questi autori propensi per l’aggressione appartengano ad un ceto socio-culturale ed ambientale molto impreparato, tanto da non conoscere o non voler comprendere che determinate manifestazioni acute o croniche di una malattia, non sono sempre diagnosticabili in prima battuta, come pure non sono sempre risolvibili in tempi brevi. Va inoltre detto che il cittadino comune non prende mai in considerazione il fatto (tanto doveroso quanto lecito) che le contestazioni per un notevole “disservizio” o una grave incomprensione possono essere segnalate a voce o per iscritto ai referenti destinatari (Direzione Sanitaria, Ordine di Medici di appartenenza, Assessorato alla Sanità, etc.).
    Leggi tutto...  
  •   
    100 DOMANDE
            100 RISPOSTE
     
    I SEGRETI DELLA
    CHEMIO-TERAPIA
     
    SVELATI
    IN UN LIBRO
    DELL’AIOM
     
    Leggi tutto...

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online