Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

2016 La Gestione Infermieristica del Paziente di Osteoncologia

LA GESTIONE INFERMIERISTICA
DEL PAZIENTE DI OSTEONCOLOGIA

Per osteoncologia si intende quella specialità oncologica che si interessa e studia l'apparato osteoarticolare, approfondendone le patologie e le degenerazioni correlate alle problematiche oncologiche del paziente.

Molte neoplasie danno come secondarietà delle lesioni ossee, pertanto la loro casistica, non può essere ignorata, né come dato epidemiologico, né dal punto di vista medico, assistenziale e gestionale. Indipendentemente dalla loro natura, sia essa litica o addensante, che dalla loro localizzazione, una metastasi ossea rappresenta un disagio, a volte una disabilità, indubbiamente un “disconfort” per il paziente, il cui sintomo più frequente è il dolore, associato a limitazioni articolari e alterazioni posturali. Questa sintomatologia si inserisce in un quadro complesso e severo che prende nome di sindrome degli effetti scheletrici correlati (abbreviato in SREs), le cui complicanze più gravi sono le fratture patologiche dell'osso, che ha ormai perso la sua normale struttura; la compressione midollare dovuta all'invasione del canale midollare di materiale osseo proveniente dalla vertebra degenerata; l'incremento del calcio circolante nel sangue (ipercalcemia maligna) causato dalla compromissione del fisiologico “turn over” cellulare all'interno dell'architettura ossea, con possibile detrimento cardiaco, muscolare e renale; infine problematiche ematologiche (anemizzazione) legate all'alterazione della funzione eritropoietica (produzione di globuli rossi) del midollo osseo.

Alla luce di tali considerazioni cliniche la gestione infermieristica risulta decisamente   impegnativa, poiché la complessità assistenziale di questo tipo di paziente esige una proposta infermieristica attenta ai bisogni psicofisici della persona malata. L'intervento assistenziale dovrà ottemperare alle istanze epistemologiche delle scienze infermieristiche, ossia l'oggettivazione dei parametri vitali (in particolare la misurazione e monitoraggio del dolore), l'esecuzione di pratiche tecniche (controllo e posizionamento di eventuali presidi ortesici e protesici), la somministrazione dei farmaci adatti al caso (bifosfonati); ma al contempo indugiare su un approccio cognitivo-comportamentale che preveda l'informazione al paziente degli effetti collaterali della terapia farmacologica ed attinica (radioterapia), l'educazione terapeutica e sanitaria circa l'assunzione dei dispositivi medici, della dieta e dei farmaci prescritti e il supporto psicologico declinato come counselling (tecniche di risoluzione dei problemi e gestione dello stress emotivo).

Il nursing oncologico, dunque, si compone di due momenti complementari ed irrinunciabili: abilità tecniche e capacità relazionali, entrambe fondamentali per poter erogare un'assistenza completa ed integrata, onorando una sentenza espressa dalla frase di un eminente uomo politico della sanità canadese, Trudeau: “ Curare a volte, alleviare spesso, confortare sempre”.

Davide Deangelis

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

I lunedì pomeriggio...

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    Opuscolo Informativo
    su una complicanza da bifosfonati
     
    OSTEONECROSI
    DELLE OSSA MASCELLARI
    DA FARMACI
     
    A cura di
    Olga Di Fede e Giuseppina Campisi
     

  •  
    Percorsi espressivi
    attraverso arte e cultura
     
    In ogni malato,
    in particolare 
    quello oncologico,
    può essere importante
    stimolare iniziative 
    volte all’espressione 
    del proprio essere
    e del proprio esistere.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    A Torino il
    II° Simposio Nazionale 
    sulla
    Sclerosi Laterale
    Amiotrofica - SLA
     
    Promettenti sviluppi
    nell’ambito della ricerca
    per il trattamento della SLA,
    grazie all’impegno
    di affermati ricercatori
    italiani e stranieri e
    ai volontari AISLA e AriSLA.
     

Salviamo i Farmaci