Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

E Ora cosa Mangio? Consigli Alimentari

Ora puoi scaricare da Qui Consigli e Ricette

2019 - Libro: Il cancro ha già perso

Libro Cancro
 
IL CANCRO
HA GIÀ PERSO
 
FIDUCIA E OTTIMISMO
NELLA LOTTA AL CANCRO
CON L’IMMUNOTERAPIA
 
L’Incontro-intervista
tra l’mmunologo Michele Maio
e il giornalista Giovanni Minoli.
 
Di: Ernesto Bodini 
 
Notevoli esperienze e risultati clinici al Centro senese dove lavorano cinquanta ricercatori provenienti da tutta Italia e anche dall’estero, ma servono ulteriori fondi per far fronte ad un crescente numero di pazienti candidati all’immunoterapia.
 
Se lodevole è l’impegno di chi si dedica alla lotta contro il cancro, in primis i ricercatori e i clinici, altrettanto lo è di chi si propone per la divulgazione del loro Maiolavoro tra notevoli difficoltà sia dal punto di vista dell’impegno “senza sosta” che da quello finanziario. È di recente pubblicazione “Il cancro ha già perso – La rivoluzione da Nobel dell’immunoterapia dei tumori” (Edizioni Piemme, pagg. 106, €. 16,00) di Michele Maio e Giovanni Minoli, rispettivamente insigne immunologo-ematologo e direttore del Centro di Immunoterapia Oncologica del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, e giornalista e conduttore televisivo.
Un contributo letterario-divulgativo più che puntuale, considerando il riconoscimento del Premio nobel per la Medicina (2018) a due scienziati, lo statunitense James P. Allison e il giapponese Tasuku Honjo, per le loro scoperte nel campo dell’immunoterapia contro il cancro. L’incontro tra i due autori del libro, che ha una valenza di non poco ottimismo per la lotta contro le varie forme di tumore, si basa su una estesa intervista del giornalista radio-televisivo, dalla quale emerge la chiara definizione dell’immunoterapia oncologica, come funziona, per quali tumori ha dato risultati già consolidati, quali sono le prospettive future e la sostenibilità economica delle cure. È bene ricordare che il nostro sistema immunitario è progettato per combattere attacchi esterni quanto “rivoluzioni” interne; i tumori, però, a volte non solo riescono ad eludere il sistema immunitario ma anche adMinoli evitare che questo scateni attacchi contro se stessi, e qualche volta trovando così un alleato stesso nel sistema immunitario. A riguardo il clinico precisa che  «l’immunoterapia, utilizzando dei veri e propri farmaci, attiva o potenzia le nostre difese immunitarie, facendo sì che esse possano distruggere le cellule tumorali che sono identificate come estranee in quanto hanno acquisito caratteristiche che le differenziano dalle cellule normali». Per il lettore “profano”, che si domanda perché l’immunoterapia riesce dove la chemioterapia e la radioterapia non ce la fanno, il prof. Maio spiega che con queste due “tradizionali e consolidate” terapie si agisce direttamente sulle cellule tumorali in quanto bersaglio immediato del trattamento, ma che nel corso della terapia possono in seguito diventare resistenti al trattamento stesso, tanto da dover cambiare la strategia terapeutica; mentre con i farmaci immunoterapici si agisce soprattutto sul sistema immunitario innescando un meccanismo attivo di controllo della malattia..., sia pur considerando che si possono manifestare degli effetti collaterali che determinano alterazioni funzionali anche negli organi sani
 
CONTINUA... 

 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2018

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    tumore?

    MA E VERO CHE...

     
    Gli Oncologi Medici 
    Ti aiutano a smascherare
    le FAKE NEWS
     
    - Cancro:
    cosa si nasconde
    - Cure Alternative
    - Alimentazione
    - Cause e rimedi
    - Piante e vitamine
    - Cancro:
    una malattia moderna
     

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...  
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci