Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Un grazie lungo 21 anni... cambio la strada, non il traguardo

Dott Comandone 3
 
 
IL MIO SALUTO
 
Di: Alessandro Comandone
 
È successo:
 
dal primo Settembre 2019
non presto più
la mia opera
presso la SC di Oncologia
dell’Ospedale
Humanitas Gradenigo, 

 

 
sono passato a dirigere la SC di Oncologia del San Giovanni Bosco e degli ospedali dell’ASL Città di Torino collegati (Maria Vittoria, Martini e Valdese).
 
Sono passati 21 anni da quando, giovane medico di 41 anni accettai una sfida che sembrava impossibile: insieme ad altri Colleghi e Colleghe giovani e giovanissime aprire un Reparto di Oncologia nel cuore della città, all’Ospedale “della suore” o “delle tonsille” come era chiamato allora il Gradenigo.
Lentamente con il supporto delle direzioni e di grandi clinici di altre specialità che già lavoravano qui, ma soprattutto con il lavoro grandioso e silenzioso di medici, infermieri, farmacisti, amministrativi e psiconcologi l’utopia si è realizzata ed è diventata la realtà che tutti noi conosciamo.
Il gruppo di oncologi ragazzini è diventata una solida équipe di medici motivati e preparati che ha saputo vincere le difficoltà che frequentemente si sono presentate sul loro cammino, acquisendo la fiducia di migliaia di pazienti e delle loro famiglie fino a diventare stabilmente la 3a - 4a oncologia della Regione per numero di prestazioni quotidiane.
Lavoro serio, con pochi fronzoli, umiltà, rigore scientifico e clinico, ma soprattutto un tocco di umanità nel rapporto con le Persone Malate, sono state le armi utilizzate per farci amare dai pazienti e rispettare dai colleghi.
I ventuno anni trascorsi non lasciano solo ricordi di quanto si è costruito, ma pongono le basi per la continuazione del lavoro con lo stesso spirito, la stessa volontà e alacrità di lavoro come noi in Piemonte sappiamo fare.
Vorrei continuare a scrivere e passare in rassegna alcuni momenti più belli o toccanti di questi 21 anni, ma temo che scenderei nel patetico, cosa che non voglio assolutamente fare.
 
Concludo dunque ringraziando molte persone: le Direzioni che ci hanno sempre sostenuto anche nei momenti di grossa crisi dell’Istituzione; I Colleghi degli altri Servizi dell’Ospedale che ci hanno sempre aiutato; gli Oncologi che lavorano o hanno lavorato con grande spirito di sacrificio e di dedizione, ma soprattutto con tanta professionalità e sensibilità; gli Infermieri, guidati da eccezionali coordinatrici (le c.d. Caposala) che hanno svolto un lavoro fantastico ed instancabile in Day Hospital e in Reparto, mettendo sempre la centralità del Paziente come scopo fondamentale della loro missione; i Farmacisti che, lontani dalla folla del Reparto o del Day Hospital hanno vegliato sulla preparazione e somministrazione dei farmaci, prevenendo errori che potevano essere molto gravi; gli Amministrativi che subissati dalle montagne di richieste dei medici e delle persone in cura hanno sempre saputo risolvere i problemi con un sorriso, trovando una soluzione a tutto; la Psicoconcologa che è intervenuta nei momenti di crisi personale durante la lotta contro la malattia sempre a titolo gratuito sostenuta dalla nostra ONLUS GITR; le Assistenti Sociali che hanno declinato in termini pratici l’aiuto a chi necessitava di un supporto a casa o in struttura protetta.
Ed infine i Volontari che si sono coagulati intorno all’AVO per prestare aiuto ai Malati ricoverati nelle piccole ma fondamentali azioni di tutti i giorni e i Volontari del Gruppo Italiano Tumori Rari (GITR) che hanno garantito, grazie alle vostre generose offerte, la continuità delle prestazioni nella ricerca clinica, nella formazione di giovani medici e infermieri, nell’informazione per mezzo del portale scientifico, nella prestazione continuativa e a titolo gratuito della Psicooncologa e delle Data Manager, vere artefici della concretizzazione della ricerca.
 
Ma soprattutto il nostro grazie più grande va a Voi Malati e Famigliari che avete creduto in noi, che avete condiviso con noi le vostre gioie, le vostre speranze, i vostri dolori.
Con la vostra tenacia ci avete insegnato a non mollare mai, anche nei momenti più bui. Con la vostra paziente attesa per le cure o per le visite ci avete insegnato il rispetto e la comprensione per il lavoro altrui.
Abbiamo combattuto insieme. Abbiamo vinto. Abbiamo perso. Abbiamo trascorso molto tempo insieme in quella misteriosa avventura che è la vita. Ci siamo conosciuti. Ci siamo stimati anche quando i pareri potevano essere diversi o quando la delusione per una terapia con risultato insoddisfacente poteva far sorgere delle domande amare. Ci siamo rispettati, che è un sentimento ormai raro nella vita quotidiana.
 
Nel momento del mio saluto non dimentichiamo quanto abbiamo costruito tutti insieme. Continuiamo a credere nei valori che ci hanno reso non solo Medici, Infermieri e Pazienti, ma soprattutto amici e compagni di viaggio. Un viaggio spesso scomodo, in posti stretti e molto faticoso, ma che ha permesso di conoscere di noi la parte più vera e profonda.
 
Il seme gettato 21 anni fa ha dato molti frutti e, sono certo, ne darà ancora.
 
Un abbraccio
                                                      Alessandro Comandone

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2018

Una sanità a tutto campo

Da Ghirotti alla Carta di Torino

Loc Ghirotti Modificata s.jpg

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    XXV CONGRESSO
    NAZIONALE
    SICP
     
    LIMITI E ORIZZONTI
    nella cura
     
    Riccione
    15 -17 novembre
    2018
     
    Palazzo
    dei Congressi
     
    Leggi tutto...  
  •  
    IL CANCRO
    HA GIÀ PERSO
     
    FIDUCIA E OTTIMISMO
    NELLA LOTTA AL CANCRO
    CON L’IMMUNOTERAPIA
     
    L’Incontro-intervista
    tra l’mmunologo Michele Maio
    e il giornalista Giovanni Minoli.
     
    Leggi tutto...  
  •   
    100 DOMANDE
            100 RISPOSTE
     
    I SEGRETI DELLA
    CHEMIO-TERAPIA
     
    SVELATI
    IN UN LIBRO
    DELL’AIOM
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci