Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

La tossicità cardiologica da farmaci immunologici

Sistema Immunitario

 
L'INFORMAZIONE
 
Evento raro
ma grave...
 
In questo Articolo 
numero 1) 
si introduce un argomento
che verrà sviluppato
in due successivi documenti.
 
 
Di: Alessandro Comandone - Tiziana Comandone
 
Il GITR non si interessa solo di tumori rari divulgandone la conoscenza, ma anche di eventi rari che si verificano in Oncologia. In questo articolo si introduce un argomento che verrà sviluppato in due successivi documenti: La tossicità cardiologica da farmaci antitumorali.
 
Il rapporto tra immunità e tumori è un processo studiato fin dagli anni 50 del secolo scorso.
Burnett e collaboratori in tale periodo formularono la teoria della immunosorveglianza e di suoi rapporti con il cancro. Secondo tale teoria quotidianamente in tutti non avvengono delle mutazioni del DNA che possono portare alla formazione di tumori, fortunatamente il sistema immunitario, a quel tempo poco conosciuto, impedisce che queste cellule mutate si replichino ad oltranza e in questo modo l’evento tumore è percentualmente raro rispetto alle mutazioni che si registrano nel nostro corpo.
A fine XX secolo e all’inizio del nuovo millennio Dume e poi Schreiber elaborano la teoria di Burnett e coniano il termine di “immunoediting”.
I due autori dimostrano su animali da esperimento con tumori indotti che in una prima fase prevale l’azione vincente dell’immunità: le cellule tumorali sono riconosciute e distrutte impedendo il verificarsi del tumore.Febbre
Con il procedere del tempo, moltiplicandosi gli eventi di replicazione cellulare e invecchiando il sistema immunitario dell’ospite, il tumore non è più distrutto, ma rimane in una sorta di letargo nell’organismo. L’immunità impedisce che divenga aggressivo, invasivo e pericoloso.
In una terza fase si ha  la perdita di competenza dell’immunità e il tumore diventa vincente manifestandosi e creando gravi danni all’ospite.
In realtà sin dalla fine del 1800 la Medicina ha cercato di contrastare l’evoluzione dei tumori con molte terapie talora empiriche e le terapie immunologiche hanno avuto un ruolo minore ma significativo.
A fine 800 e inizio 900 si introdusse la terapia pirogena nella speranza che accessi febbrili o una temperatura elevata costante, prossima ai 40° C potesse evocare una reazione immunitaria capace di fermare il tumore. La Storia della Medicina ci racconta di grandi insuccessi in questo campo con gravi e ingiustificate sofferenze per i Malati.
Negli anni 60 finalmente si inaugurò un trattamento basato su evidenze scientifiche.
Georges MatheIl grande scienziato e clinico francese George Mathé applicò le instillazioni intravescicali di BCG (bacillo attenuato della tubercolosi) in Malati con carcinomi epiteliali della vescica. Tale terapia volta a creare una forte reazione immunitaria a livello della parete vescicale, si rivelò efficace soprattutto nel prevenire il riformarsi dei carcinomi di piccole dimensioni e di rallentare la loro evoluzione in tumori invasivi. Tale tecnica è ancora oggi ampiamente utilizzata.
Negli  anni 1980 vennero  introdotti nella cura del melanoma e del carcinoma renale gli Interferoni e l’Interleuchina 2 con risultati alternanti e solo in percentuali di Pazienti.
Oggi tali terapie sono in disuso a fronte di trattamenti più moderni ed efficaci.
Negli anni 90 esordirono i vaccini con estratti di cellule neoplastiche: DNA, RNA,  frammenti di membrana cellulare. I risultati di questi trattamenti furono deludenti e in Europa mai approvati per l’uso clinico.
Finalmente nel decennio 2010-2020 le scoperte di immunologia di base hanno permesso la creazione di farmaci che riattivano la reazione immunitaria contro il tumore già conclamato.
 

 

Cerca nel Sito

GITR - ODV-ETS

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...  
  •  
    MELANOMA
    CUTANEO
     
    INFORMAZIONI
    PER I PAZIENTI
     
    Un Quaderno
    della Fondazione AIOM
    a cura di Alessandro Minisini
     
    Dipartimento Oncologia
    Azienda Sanitaria Universitaria
    Friuli Centrale - Udine
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci