Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

L'informazione scientifica del GITR: dai marcatori tumorali circolanti alla biopsia liquida

dr comandone

 
L'INFORMAZIONE
 
L'evoluzione
delle conoscenze
in Oncologia
 
A Cura del GITR
Alessandro Comandone, Paola Bergnolo, 
Orietta Dal Canton, Antonella Boglione, 
Ferdinando Garetto, Davide Ottaviani, 
Andrea Saini, Azzurra Ottone
 
I MARCATORI TUMORALI CIRCOLANTI
 
La definizione di marcatore tumorale (MT) o indicatore biologico di neoplasia si riferisce a sostanze che, prodotte direttamente dalle cellule tumorali o indirettamente da tessuti per l’interazione della neoplasia con l’organismo ospite, inviano un segnale dell’esistenza e dello sviluppo del tumore.1
La sostanza definita marcatore tumorale può essere prodotta sia dalle cellule normali che dai tessuti tumorali mancando dunque di una specificità assoluta.1
Biopsia Liquida
 
I MT circolanti appartengono a varie classi biochimiche e possono essere classificati in base alla loro natura (peptidi, proteine, glicoproteine, oligoelementi) o prendono in considerazione il grado di associazione con le neoplasie e i rapporti dinamici della cellula neoplastica con l’ospite.1,2,3
 
Sulla base di tale identificazione distingueremo:
* marcatori oncofetali (CEA e ALFAFETOPROTEINA);
* prodotti di differenziazione tessuto specifici (β-HCG, PSA);
* marcatori di attività cellulare (TPA);
* marcatori enzimatici (fosfatasi alcalina, NSE, LDH);
* marcatori mucinici o associati al tessuto tumorale (CA 19.9, CA 125, CA 15.3);
* proteine normali (ACTH, PTH Melatonina, ADH);
 
È interessante rilevare come, in una visione storica della Medicina, i maggiori sforzi prodotti alla ricerca di marcatori tumorali si concentrino soprattutto negli anni 60’, 70’, 80’ del XX secolo, lasciando poi questo capitolo incompiuto con l’avvento del nuovo millennio.1,2,3
 
Infatti cronologicamente riconosciamo tempi differenti per la scoperta o il brevetto dei MT circolanti classici ma tutti concentrati nella seconda metà del 1900, mentre con il 2000 si apre l’era della ricerca sulle cellule, del DNA e del RNA circolante, abbandonando la ricerca sui MT biochimici classici e relegando il loro impiego alla pratica clinica quotidiana.
Il diminuito interesse per la ricerca di nuovi MT è legato ad alcune debolezze nella loro identificazione e nel loro impiego.
 
Analisi LabInfatti un MT ottimale dovrebbe:1,2.4
* essere specifico per un solo tipo
  di tumore;
* avere un’alta specificità e sensibilità per
  la crescita tumorale e la progressione
  della neoplasia;
* correlarsi con il variare del volume del
  tumore, incrementando quando il volume
  progredisce e diminuendo quando la
  neoplasia regredisce in  risposta
  ad una terapia;
* mantenere le stesse caratteristiche biologiche e biochimiche nelle varie fasi della
  malattia;
* possedere un’emivita sierica relativamente breve per evidenziare una stretta
  correlazione con le variazioni del volume tumorale;
* possedere infine un triplice livello soglia:3,4
 
a. di normalità sulla base della distribuzione del MT nei soggetti sani;
b. di patologia sulla base della distribuzione del MT nei soggetti affetti da malattia
    infiammatoria o displastica;
c. di allarme sulla base della distribuzione nei soggetti affetti da malattia tumorale
    accertata.5
 
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2018

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...  
  •   
    La Farmacia Oncologica
    e il ruolo del Farmacista
     
    Necessaria una più stretta
    collaborazione
    tra le diverse figure
    professionali della Sanità
    dopo la riclassificazione
    dei farmaci ex OSP 2.
     
    Leggi tutto...  

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci