Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Il punto di A. Comandone sugli indicatori circolanti nel sangue

 
L'ANALISI
 
La "girandola"
dei marcatori tumorali
da quelli di antica data,
ancora validi,
agli sviluppi 
della biopsia liquida

Di: Alessandro Comandone
 
I marcatori tumorali (MT) o indicatori biologici di malattia sono sostanze prodotte direttamente dalle cellule neoplastiche o dai tessuti dell’organismo come reazione all’invasione tumorale. Vengono interpretati come un segnale generale dell’esistenza e dello sviluppo di una neoplasia.
I marcatori tumorali possono essere isolati nel sangue, nei fluidi organici quali versamenti peritoneali e pleurici e nei tessuti.
Marcatori tumIn questo breve articolo parliamo solamente dei marcatori circolanti nel sangue perché sono i più comunemente usati e meglio conosciuti dai medici e dai pazienti. Nel corso dei decenni dal 1930 ad oggi sono state identificati decine di marcatori tumorali, ma solo alcuni si sono rivelati utili perché correlati più direttamente alla crescita tumorale. Nessuno purtroppo è esclusivo del tumore e può darci un profilo completo della situazione di malattia.
 
Le sostanze ad oggi più utilizzate come MT circolanti sono le seguenti:
- Marcatori prodotti a livello fetale e che tornano a manifestarsi con la comparsa di un tumore quale CEA e alfa-feto proteina.
- Prodotti di differenziazione di uno specifico tessuto quale βeta HCG e PSA
- Marcatori enzimatici: fosfatasi alcalina, neuroenolasi, lattato deidrogenasi, fosfatasi acida
- Marcatori che esprimono mucine quali GICA, Ca125, Ca 15.3
- Proteine normali ma iperespresse in caso di tumori quali Di Dimero, calcitonina e tireoglobulina
- Ormoni prodotti fuori delle ghiandole di competenza per un’attività ormonale anomala causata dal tumore come ACTH, paratormone, ormone antidiuretico.
 
Tutte queste sostanze furono scoperte e studiate in tempi non recenti. Ad esempio il CEA fu scoperto nei tumori del colon nel 1965, il PSA nei tumori della prostata nel 1979, il Ca15-3 nei tumori della mammella nel 1979. Contrariamente a quanto si ritiene, non tutti i tumori producono marcatori: ad esempio i sarcomi non ne hanno, lo stesso i tumori cerebrali, come pure quelli della lingua, del faringe e della laringe.
 
Un marcatore ideale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:
- Essere espresso solo da un tipo specifico di tumore (invece ad esempio il CEA è prodotto dai tumori del colon, dello stomaco, del polmone e della mammella)
- Avere una stretta correlazione con la cinetica del tumore: dovrebbe essere manifestato solo quando il tumore è presente e si sta replicando e invece dovrebbe non essere prodotto in assenza di neoplasia.
- Dovrebbe avere una correlazione con il volume del tumore, ma dovrebbe emergere sin dai primi momenti di crescita della neoplasia. Invece in generale una neoplasia in fase iniziale non esprime marcatori, mentre in genere i valori circolanti del MT sono generalmente elevati nelle malattie in fase più tardiva.
- Il valore del MT dovrebbe correlarsi alle risposte del tumore alla terapia. Questo è vero in molti casi ma non sempre. In generale comunque un tumore che diminuisce o scompare per opera della chemioterapia, riduce o annulla la produzione di MT.
TumoreIl MT dovrebbe essere utile nello screening di popolazione. In pratica sarebbe auspicabile avere dei marcatori sierici che nella popolazione asintomatica rivelassero l’iniziale sviluppo del tumore. In questo modo eviteremmo esami con radiazioni ionizzanti come le mammografie o invasivi come la colonscopia. Purtroppo, come già detto, i marcatori nella fase iniziale della malattia sono inaffidabili e dunque non proponibili nello screening e nella diagnosi precoce.
Quando sono dunque applicati in modo utile e corretto gli MT?
I due usi più consolidati sono certamente nel monitoraggio della terapia, con tutti i limiti già espressi, e nel follow up. Nel monitoraggio in genere il MT aiuta a comprendere se una cura stia funzionando o meno, ma nel modo più assoluto la nostra decisione sull’efficacia della stessa non deve essere basata solo sull’MT circolante.
 
CONTINUA... 
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    Cardio-oncologia,
    un ambulatorio
    dedicato ai pazienti
    di Humanitas Gradenigo
     
    La collaborazione
    tra cardiologi e oncologi
    offre un supporto importante
    ai pazienti in termini di diagnosi,
    prevenzione e trattamento
    delle complicanze cardiovascolari
    delle terapie antitumorali.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    A Torino il
    II° Simposio Nazionale 
    sulla
    Sclerosi Laterale
    Amiotrofica - SLA
     
    Promettenti sviluppi
    nell’ambito della ricerca
    per il trattamento della SLA,
    grazie all’impegno
    di affermati ricercatori
    italiani e stranieri e
    ai volontari AISLA e AriSLA.
     
  •  
    OPEN DAY
    GIST
     
    Incontri dedicati
    ai pazienti con GIST
    e ai loro familiari ed amici 
     
    Sabato 27 Gennaio
    Accademia di Medicina
    di Torino
    Via Po,18 - Torino
    Ore 9.00
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci