Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

2019 - Presentazione del Libro: Una sanità vissuta a tutto campo

Copertina Bodini

 
 
IL LIBRO 
 
 
"Una sanità
vissuta
a tutto campo"
 
 
Esperienze
in ambito ospedaliero
e territoriale del Piemonte,
raccontate da un giornalista
scientifico divulgativo.
 
 
 
 
Parla l’autore: Ernesto Bodini
 
Addentrarmi nell’immenso panorama delle Discipline umanistiche e soprattutto medico-sanitarie e medico-scientifiche è stato come affrontare una grande avventura.
Un percorso che ha avuto inizio agli inizi degli anni ’80, e che ancora oggi si protrae e pare non avere fine… Molteplici le realtà vissute a partire dal 1985 che, non tutte, però, hanno necessariamente comportato la stesura di un articolo divulgativo e, per ragioni diverse, non tutte appaiono elencate nel libro.
Superati i primi approcci di “intesa” con clinici, cattedratici ed anche con dirigenti delle diverse Strutture ospedaliere e sanitarie del territorio piemontese per le relative autorizzazioni, il mio modus operandi è diventato via via una sorta di routine per la conoscenza delle attività medico-sanitarie in tutte le loro manifestazioni, finalizzata essenzialmente alla divulgazione della stessa.
Illustri cattedratici, medici affermati e in ascesa ed infermieri, unitamente ai vertici istituzionali, mi hanno trasmesso una miriade di nozioni del loro Ernesto Bodinisapere; ma non meno importanti sono stati i “messaggi” trasmessi da ogni paziente, sia dal punto di vista della comunicazione (attraverso il loro stato di sofferenza) che da quello più profondo ed intimistico: l’essere accolto in veste di “ospite-osservatore” per far conoscere meglio e di più il valore del rapporto medico-paziente e di paziente-medico, e con esso le strutture sanitarie preposte.
A tutti questi protagonisti della sofferenza e della Scienza medica e diagnostico-terapeutica, ivi compresi gli editori delle varie testate cartacee e online, con queste mie “testimonianze” raccolte in questo volume, desidero esprimere non un semplice grazie, ma il più elevato senso di considerazione, giacché la sofferenza percepita come la potenza della cura, mi ha reso “ereditiero” di quell’unico bene che è la loro pari umiltà.
 
Ritengo altresì doveroso evidenziare che questa pubblicazione è stata resa possibile grazie al fattivo contributo economico del logo gitr colGruppo Italiano Tumori Rari (GITR – Onlus), del cui Direttivo sono membro e in cui ricopro il ruolo di addetto stampa, non solo per la evidente condivisione nel diffondere potenzialità e concretezza delle notevoli prestazioni medico-sanitarie della Sanità subalpina, ma anche nel continuare a diffondere la conoscenza dei Tumori Rari (TR). Questo aspetto delle patologie oncologiche è talvolta disatteso o poco seguito, essendo così poca la conoscenza in merito da creare “disorientamenti” o, in altre circostanze, i cosiddetti viaggi della speranza…
Ecco che la nostra attività associativa si prefigge di diffondere una maggiore conoscenza di quanto attiene i TR, e con essa un più fattivo approccio alla “cultura dell’ottimismo” in quanto a nostro modesto avviso, l’unione non solo fa la forza, ma anche la cura… e talvolta anche la guarigione!
 
Ernesto Bodini ha interpretato nel modo più ampio e completo il concetto di educazione/comunicazione in ambito sanitario quale strategia per realizzare i progetti salute per tutti così come previsto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che nella Carta di Ottawa per la promozione sanitaria ricorda: «L’insieme delle esperienze che nella vita di un individuo, di un gruppo o di una comunità possono influire sul comportamento, sull’atteggiamento e sulle credenze relative alla salute, nonché sui mezzi atti a provocare un cambiamento del comportamento quando è necessario per raggiungere un livello ottimale di salute». 
Per perseguire tali obiettivi, Bodini ha accresciuto le conoscenze provenienti dal mondo scientifico e dalle realtà sociali.
 
Emanuele Davide Ruffino
 
Note sull’Autore
 
Ernesto Bodini è iscritto (dall’8 aprile 1987) all’Ordine dei Giornalisti, sezione Piemonte, nell’Elenco Pubblicisti.
Svolge intensa attività di free-lance in vari settori: medico-scientifico, socio-sanitario e socio-assistenziale. Interviene come addetto stampa, moderatore e/o relatore in convegni, congressi, workshop, giornate di studio, master e conferenze in ambito culturale, sociale e soprattutto medico-scientifico.
Collabora alla stesura di volumi e recensioni artistiche e letterarie.
È consulente e punto di riferimento per Associazioni e Organizzazioni di Volontariato, Enti Pubblici e privati.
É membro del Direttivo e addetto stampa del Gruppo Italiano Tumori Rari - Gruppo Piemontese Sarcomi (GITR-GPS).
Ha buona conoscenza della materia giuridico-amministrativa e burocratica; è sorta di “difensore civico” nei confronti dei cittadini più deboli e… sprovveduti.
Dal 1981 svolge attività no-profit soprattutto nell’ambito delle disabilità.
Con particolare interesse ha curato e continua a diffondere le biografie di:
- Don Carlo Gnocchi (1902-1956), papà dei mutilatini e poliomielitici, fondatore della Pro Juventute, e precursore della donazione di cornee;
- Albert B. Sabin (1906-1993), inventore del vaccino antipolio;
- Albert Schweitzer (1875-1965), medico-filantropo e premio nobel per la Pace;
- Pietro Giani (1904-1963), pioniere degli innesti di cornea animale in esseri umani, ridonando loro la vista;
- Christian N. Barnard (1922-2001), pioniere del primo trapianto di cuore in essere umano.
 
Presentazione Libro r
 Calendario
delle Presentazioni del libro
 
- Il 3/12 ore 15.00
presso la Sala Consiglio dell'A.O. Mauriziano
- Il 5/12 ore 14.00
presso Ospedale Martini
- Il 9/12 ore 15.30
presso la Sala Stampa dell'Ospedale CTO
- Il 12/12 ore 15.30
presso l'Aula Lenti dell'Ospedale Molinette
 
Il Libro sarà dato in omaggio
a tutti gli operatori sanitari,
citati nel volume, 
che si sono resi disponibili
nel corso della loro attività
ospitando il giornalista.
 
La pubblicazione è stata resa possibile
grazie al contributo del Gruppo Italiano Tumori Rari
 
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2018

Una sanità a tutto campo

Da Ghirotti alla Carta di Torino

Loc Ghirotti Modificata s.jpg

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...  

  •  Percorsi espressivi
    attraverso arte e cultura
     
    In ogni malato,
    in particolare 
    quello oncologico,
    può essere importante
    stimolare iniziative 
    volte all’espressione 
    del proprio essere
    e del proprio esistere.
     
    Leggi tutto...  
  •   
    100 DOMANDE
            100 RISPOSTE
     
    I SEGRETI DELLA
    CHEMIO-TERAPIA
     
    SVELATI
    IN UN LIBRO
    DELL’AIOM
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci