Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

E Ora cosa Mangio? Consigli Alimentari

Ora puoi scaricare da Qui Consigli e Ricette

2017 Torino - I° Congresso Regionale SISMED Piemonte

LocSISMED
 
I° Congresso Regionale
SISMED Piemonte
 
TORINO - 11 FEBBRAIO 2017
Sala Convegni
NH SANTO STEFANO
 
La qualità della vita
nel soggetto
con patologia cronica
 
A TORINO I° CONGRESSO REGIONALE SISMED 
SU QUALITÀ DELLA VITA E PAZIENTI CRONICI 
CON UN'AMPIA GAMMA DI INTERVENTI
 
L’11 Febbraio si svolgerà a Torino, suddiviso in due sessioni,
l'importante Congresso Regionale SISMED
con la partecipazione di medici di tutte le specialità.
 
Questo primo CongressoRegionale SISMED Piemonte, vuole rappresentare un’occasione di apprendimento e di confronto su una tematica di grande attualità, la qualità della vita nel soggetto con patologia cronica.
La malattia, infatti, non danneggia solamente aspetti biologici e funzionali dell’organismo ma spesso incide in modo sostanziale sulla vita emotiva, familiare, sociale e lavorativa, fino a modificare la percezione della vita stessa e dei suoi valori. Da ciò deriva una sempre maggior attenzione verso quegli aspetti della malattia non misurabili né dalle indagini strumentali né dalle scale oggettive di valutazione ma il riconoscimento della centralità del paziente, del suo ruolo, e della sua unicità.
Il medico non può e non deve dimenticare che il paziente costituisce, nell’insieme delle sue emozioni ed esperienze di vita, il nuovo parametro (Qualità di Vita) da considerare accanto agli indicatori medico clinici tradizionali, ciò in particolare in quei soggetti affetti da patologie croniche.
Il miglioramento della Qualità di Vita connessa alla salute (HRQoL) dovrà esser sempre più uno degli obiettivi caratterizzanti ogni scelta terapeutica e/o riabilitativa.
 
Questo convegno vuole rappresentare anche un momento d’incontro e di collaborazione fra specialisti di branche diverse e medici di medicina generale per facilitare la continuità assistenziale e migliorare i servizi offerti alle persone.
Gli argomenti trattati saranno: aspetti clinici e psicologici della patologia cronica in ambito cardiologico, pneumologico, oncologico, geriatrico, nefrologico e diabetologico con particolare attenzione alla qualità della vita, il suo significato, gli strumenti di misurazione e gli interventi atti a conservarla e a migliorarla.
 
Tra le finalità di questo Convegno ci piace rappresentare, oltre la possibilità di interscambio culturale fra diversi soggetti della medicina, un incremento delle conoscenze sulle patologie croniche, in particolare di quelle correlate con la percezione soggettiva del paziente.
Tra gli altri obiettivi consideriamo altresì fondamentale migliorare le competenze comunicative del medico onde facilitare la correlazione con il paziente cronico, attraverso una panoramica delle risorse terapeutiche, riabilitative e sociali attuabili per ottenere il miglior risultato clinico compatibile con il mantenimento della qualità di vita del paziente stesso e nel rispetto dei parametri di spesa.
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

2017LocFatto.jpg

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    I lunedì pomeriggio
    della Prevenzione
    e della Salute
     
    Prevenire per migliorare
    la qualità della vita
     
    Università di Torino
    Centro di
    Biotecnologie Molecolari
    Via Nizza, 52 - Torino
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci