Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

I Quadretti - Il secolo di Primo Nebiolo

U59 Nebiolo e Staff

 
 IL QUADRETTO
 
Di: Gianni Romeo
  
A cent’anni dalla nascita
il mondo dello sport
ricorda il dirigente torinese
che ha cambiato il modo
di pensare dei giovani,
dando all’atletica leggera
slancio e innovazione.
  
C’è stato, c’era stato un tempo che oggi mi sembra molto lungo, una ventina d’anni e più, in cui l’atletica aveva sfidato re pallone, era diventata <il calcio dell’estate>. Stadi affollati, campioni della corsa e dei salti che avevano la popolarità dei goleador più famosi. 
Il miracolo di avere portato i giovani con i piedi in terra dimenticando per un paio di mesi all’anno i sogni impossibili verniciati di fragile gloria e troppo denaro aveva e ha ancora un nome, Locandina U59Primo Nebiolo. L’archivio della parrocchia torinese di San Gioacchino, Borgo Dora Vanchiglia, riferisce della sua nascita avvenuta il 14 Luglio 1923, giusto cent’anni fa, da Secondo e da Giuseppina Verrua, originari di Scurzolengo. Nel cimitero della piccola località astigiana un imponente falansterio ne conserva quanto resta dopo la scomparsa avvenuta nella notte del 7 novembre 1999 nella clinica romana Mater Dei.
La passione dell’atletica non accompagnata da risultati degni di nota nel salto in lungo, statura medio piccola, la laurea in legge e l’attività imprenditoriale presto mescolata all’attivismo nel club universitario cittadino, il Cus Torino: a quel punto il Primo Nebiolo giovane e pieno di idee spicca il balzo. Per un trentennio imporrà la sua figura di dirigente illuminato nel panorama dello sport italiano e mondiale. Gigante bifronte per potenza d’intuito e imbarazzante trasparenza di difetti, ha scritto così di lui Augusto Frasca che a lungo gli fu braccio destro, Nebiolo ha e impone le proprie idee. 
Dilata le frontiere dell’atletica, non gli basta la vetrina delle Olimpiadi e a far data da Helsinki 1983 s’inventa i campionati mondiali, cancella l’ipocrisia del finto dilettantismo eCoppa Europa 79 Torino ufficializza ricchi premi in denaro per gli atleti, sfida la più plateale delle impopolarità non cedendo un millimetro alla pretesa dei padroni del calcio, gli Agnelli in testa, di edificare gli stadi di Italia ’90 senza il contorno delle corsie di atletica, segno di civiltà.
Diffonde nel mondo uno dei suoi fiori all’occhiello, le Universiadi.
Porta i cinesi a Torino all’edizione 1959 della manifestazione aggirando abilmente il divieto dello stato italiano che ancora non riconosce la nuova realtà dell’immenso Paese orientale.
Vince una difficile scommessa organizzando a Torino in pieno agosto la finale di Coppa Europa e riempie lo stadio Comunale nell’assolato weekend con 90.000 spettatori.
Stadio Comunale TorinoMa va anche oltre, l’atletica è cultura. Blinda le porte ministeriali perché la regina degli sport abbia un ruolo prioritario nei programmi di educazione fisica, dà spazio come nessuno ai Maestri dello Sport, sostiene in prima persona un Centro Studi invidiato nel mondo. 
È un vulcano in eruzione perenne, porta il messaggio vitale dello sport e dell’atletica tra le croci e le atrocità di Sarajevo, nella polveriera di Belfast, tra le lacerazioni ambientali della sudafricana Soweto, mette in atto un piano sistematico di interventi a favore di nazioni e località disagiate, fa costruire impianti sportivi e manda tecnici preparati in Asia, in Africa per i giovani del posto, senza che debbano andare a cercare altrove.Primo Nebiolo 83
Forse il mondo politico deve imparare qualcosa dallo sport…
Dai campionati mondiali organizzati a Roma nel 1987 la sua stella declina.
È ambizioso, molto, difetti ed errori vengono al pettine, gli è preclusa la strada verso il vertice del Coni, alla guida dell’atletica mondiale il suo passo assume il ritmo di una dittatura che non piace. I nemici aumentano, la salute vacilla.  Muore a 76 anni.
L’Italia dello sport che sa valutare senza pregiudizi ancora oggi gli riconosce, al netto dei suoi errori, il merito del dirigente sportivo più audace e innovativo dell’ultimo mezzo secolo.
 

 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

Cosa Abbiamo Fatto nel 2022

Chi Siamo - GITR - ODV-ETS

Nomenclatore Tariffario Protesi

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
     
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...  
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online