Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

"I due nemici"... il Covid alleato del cancro

 
Fam Carta
 
IL SUPPORTO
 
 L’accoglienza
della fragilità psicologica  
e il suo sostegno
puntano a sostenere
i nuclei in difficoltà
e favorire un maggior adattamento 
alle situazioni di crisi
 
 
 
Di: Monica Seminara

PROGETTO PROTEZIONE FAMIGLIE FRAGILI

logoreteonc

PRESIDIO SANITARIO HUMANITAS GRADENIGO con G.I.T.R.

logo gitr col
logohumangrad

Psiconcologa Case Manager: Monica Seminara

Presidente G.I.T.R.: Alessandro Comandone

 
REPORT ATTIVITÀ ANNO 2021
 
In questo report abbiamo inserito i dati del 14° anno di attività del PPFF a supporto dei malati oncologici e delle loro fragili famiglie assistiti presso il Presidio Sanitario Humanitas Gradenigo, a cura del Gruppo Italiano Tumori Rari che sostiene il Progetto Protezione Famiglie Fragili (PPFF) in modo continuativo, fattivamente, nella mission e nella vision.

Anche nel 2021 il Progetto ha supportato - con interventi specialistici mirati - numerosi nuclei familiari di malati oncologici ad alto rischio di destabilizzazione.

Le segnalazioni, relative ai malati oncologici con nuclei familiari caratterizzati da fragilità, sono pervenute dai vari operatori sanitari del CAS, del day hospital oncologico, dell’ambulatorio di oncologia e dai reparti ospedalieri di oncologia, medicina, chirurgia, urologia, ambulatori di dermoncologia, dietologia ed endocrinologia, ortopedia, terapia intensiva e pronto soccorso.

Prot famigliaSi evidenzia che, anche quest’anno, sono risultati ancor più numerosi i pazienti in difficoltà - e/o i loro familiari - che hanno fatto autonomamente richiesta di attenzione e presa in carico psico-oncologica, in relazione ad un aumento del disagio psichico familiare dipendente dalla situazione oncologica aggravato dalle ripercussioni e dai vissuti emotivi e comportamentali riferibili alla pandemic fatigue.  

Il PPFF, grazie al Responsabile dell’Oncologia di Humanitas Gradenigo e al continuativo e fondamentale sostegno del G.I.T.R. stabilmente operativo all’interno della struttura, ormai si conferma un punto di riferimento riconosciuto ed adeguatamente identificato come uno strumento utile da proporre alle famiglie, a sostegno delle loro situazioni di disagio psicologico e psicosociale sempre crescenti.

L’attività viene svolta all’interno di un tempo/lavoro stabilito di n.12 ore settimanali, spesso, nel concreto, variabile per eccesso in relazione alle numerose richieste pervenute e alle necessità che talvolta sopraggiungono fuori orario previsto e anche nel fine settimana, in caso di urgenza\emergenza.

Nel 2021 sono stati presi in carico n.98 nuclei familiari ma si precisa che per n.27 nuclei è stato assistito più di un membro per un totale di n.127 persone assistite; per n.4 minori e per n.15 giovani adulti è stato effettuato un intervento specialistico diretto. Tra le famiglie assistite, per n.13 di loro le prese in carico erano già attive dall’anno precedente e quindi sono state seguite in continuità, unitamente a n.85 nuovi invii e avvii assistenziali.
 
A seguire, il dettaglio delle fragilità prevalenti: famiglie n.12 con figli minori, n.19 con figli giovani adulti, n.14 con altri soggetti malati e/o disabili all’interno del nucleo, n.42 famiglie con membri affetti da marcato disagio psichico, n.2 nuclei con soggetti alcolisti o tossicodipendenti (con devianza sociale), n.16 famiglie ristrette con nuclei isolati, n.19 famiglie vittime di esperienze traumatiche e ripercussioni emotive gravi da lutti complicati e, in conclusione, n.2 famiglie con situazioni di difficoltà all'integrazione sociale, linguistica e culturale.

Segnalo che n.19 nuclei familiari sono stati caratterizzati da multifragilità. I nuclei familiari con assistenza conclusa sono stati n.82 e l’età media degli assistiti è di 62 anni, distribuiti per genere in n.37 uomini e n.61 donne.

Logo fam fragiliPer n.15 famiglie per le quali è stato attivato un percorso di sostegno per l’elaborazione del lutto (sono stati sostenuti i familiari del malato deceduto oppure è stato effettuato un intervento di supporto per il malato, in relazione al  decesso del proprio care giver (!) o di un familiare significativo).

In osservanza alla mission del PPFF, sono stati messi in atto anche nel 2021 degli interventi psico-oncologici clinici specialistici, rivolti a malati e familiari, adulti e minori e interventi psico-sociali di lavoro di rete con le risorse territoriali, per la gestione protetta della fragilità. Le prese in carico sono state gestite in collaborazione continuativa e costante col servizio di continuità assistenziale interno all’ospedale e col personale (medico e infermieristico) di riferimento dei diversi reparti. La continuativa attività di Simultaneous Care e Cure Palliative attiva presso l’oncologia (a cura del Dr. Garetto), che lavora in sinergia costante con la psiconcologia, ha anche quest’anno favorito la focalizzazione dell’attenzione sui percorsi di protezione del fine vita, che sono stati preparati – con un’attenzione specifica alla protezione delle fragilità – costruiti insieme, con le famiglie e sostenuti nei termini della continuità di cura, spesso col proseguimento della presa in carico psicologica a domicilio (assistenza domiciliare) e/o presso l’Hospice, prevalentemente in collaborazione con la Fondazione FARO.

Si è attivato inoltre un dialogo sinergico col nuovo ambulatorio di Medicina d’Insieme che ha inviato al PPFF malati oncologici portatori di fragilità psicologica da supportare.

 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

GITR - ODV-ETS

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    MELANOMA
    CUTANEO
     
    INFORMAZIONI
    PER I PAZIENTI
     
    Un Quaderno
    della Fondazione AIOM
    a cura di Alessandro Minisini
     
    Dipartimento Oncologia
    Azienda Sanitaria Universitaria
    Friuli Centrale - Udine
     
    Leggi tutto...  
  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
     
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 16 visitatori e nessun utente online