Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Le emergenze oncologiche

DH Onco

IL PERCORSO
 
Dagli interventi chirurgici
alle sedute di chemio
e radio terapia...
 
Ammalarsi di tumore
non prevede di percorrere
un unico ed obbligato sentiero,
ci sono fermate, soste, deviazioni,
ripartenze, arresti
persino scorciatoie.   
 
Di: Davide Deangelis
 
Quando si pensa allo specifico patologico dell’oncologia medica solitamente sovvengono immagini stereotipate di pazienti cronici, che lottano con il dolore nel loro lungo viatico verso l’exitus, dopo aver subito una lunga sequela di inefficaci interventi chirurgici ed essersi sottoposti ad estenuanti sedute di chemio e radio terapie. La parentesi del momento della diagnosi, avvenuta occasionalmente in ambulatorio o contestuale ad uno screening di prevenzione primaria, cosi come le terapie affrontate in day hospital rappresentano aspetti quasi di second’ordine rispetto alla produzione fantasmatica riconducibile alla malattia oncologica. In realtà non si offre giustizia a tutti i pazienti, umanamente coinvolti in un percorso di cura ampio e variegato, né a quanti intervengono e concorrono alla realizzazione dello stesso, pur provenendo da specialità differenti. Ammalarsi di tumore non prevede di percorrere un unico ed obbligatorio sentiero. Esistono fermate, soste, deviazioni, ripartenze, arresti e persino scorciatoie. Le emergenze e le urgenze cliniche, connesse alla patologia od alleProntoSoccorso terapie, rappresentano le vie più impervie e pericolose di un percorso -già per sua natura accidentato- ma non per questo senza via d’uscita. Oltre al dolore da cancro, che rimane comunque una costante, soprattutto quando interessa determinati e noti distretti (plesso celiaco, strutture ossee…) il pronto soccorso, il 118, la guardia medica e l’ospedale conoscono diverse situazioni particolarmente gravi che affliggono il paziente oncologico e che meritano di essere affrontate e gestite con la stessa tempestività e competenza che viene rivolta alle protocollate complicanze cardiovascolari. In effetti, solo recentemente l’ESMO ed altre associazioni di oncologia hanno dedicato giusta attenzione scientifica a questi quadri di malattia spesso sottovalutati e demandati agli specialisti di medicina d’urgenza, talvolta non adeguatamente preparati per studi, impostazione mentale ed expertise
 
L’incremento dei lunghi-sopravviventi affetti da malattia tumorale, deve indurre ad una considerazione di tali problematiche cliniche. Oltre alle cause correlate alla terapia come la neutropenia, ossia alla netta riduzione di quella famiglia di globuli bianchi definiti neutrofili, e le collateralità proprie dei farmaci inoculati o Logo ESMOassunti oralmente, che possono essere cutanee, neurologiche, cardiologiche e metaboliche, ve ne sono altre conseguenti alla regione anatomica interessata dalla malattia ed alle specificità patologiche dei diversi istotipi tumorali, così come altre legate ai presidi ed ai device utilizzati per la somministrazione della terapia endovenosa e per il prelievo ematico. Il manuale dell’ESMO menziona nove categorie, o aree, interessate dall’emergenza; alcune di queste sono molto comuni e trattate in modo non perfettamente omogeneo dai diversi servizi in cui il paziente viene assistito. Per tale ragione oltre ad un PDTA per il trattamento di base della malattia oncologica, ne occorrerebbe un altro deputato a queste indesiderate eventualità.
 
CONTINUA... 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2019

2019Cosa FattoGITR.jpg

Una sanità a tutto campo

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    IL CANCRO
    HA GIÀ PERSO
     
    FIDUCIA E OTTIMISMO
    NELLA LOTTA AL CANCRO
    CON L’IMMUNOTERAPIA
     
    L’Incontro-intervista
    tra l’mmunologo Michele Maio
    e il giornalista Giovanni Minoli.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci