Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Laura: La bimba che corre...ed è felice

Gianni Romeo 1

 
IL QUADRETTO
 
Di: Gianni Romeo
 
Partecipa alle gare non ufficiali
a 7 anni e ottiene tempi sbalorditivi.
 
Si apre la discussione:
fa bene o fa male il papà
a permetterle cosa da adulti?
 
 
In ogni caso è un esempio
per i giovani d’oggi,
spesso persi dietro ai computer
e pigri.
 
  
L’istituto Don Milani è distante poche centinaia di metri da casa mia. Ho un rapporto speciale con quella scuola, sia per il nome che porta (Don Lorenzo Milani, un mito) sia perché Carlo e Fulvia, i figli miei e di Mirta, vi frequentarono le elementari. E quando la mamma era impegnata, per me era una gioia scappare dal lavoro prima del tempo, arrivare per specchiarmi in quei loro occhi grandi come fanali che scrutavano gioiosi e apprensivi nel mucchio dei genitori. Poi andare a casa mano nella mano…
Caos Fuori Scuola
 
Oggi, quasi 40 anni dopo, abito ancora lì, ma evito la via San Marino della Don Milani, quando suona l’ora dell’entrata o dell’uscita degli alunni. Colonne di auto in doppia fila, si strombazza, si blocca il traffico, i ragazzi/ragazze faticano a individuare il loro protettivo rifugio che sono macchine non padri e madri, poveri pargoli a cui non è stato spiegato che cent’anni fa inventarono gli ombrelli. Ma è la stessa cosa anche quando non piove.
Ne conosco di quei genitori, abitano forse a 500 o mille metri da scuola, ma camminare è fatica. Una scena che si ripete in tutta la città, in tutte le città.
Forse anche per questo mi aveva colpito molto una notizia pubblicata dai giornali alla fine dell’estate senza sollevare grande interesse. Ma merita ripescarla, raccontarla. È la storia di una sorta di bambina-prodigio, inventiamoci un nome di fantasia, Laura, 7 anni appena, badate che a Loano, Liguria, in una delle corse podistiche organizzate qua e là nella bella stagione aveva percorso 5 mila metri in 20 minuti. E pochi giorni prima si era macinata la doppia distanza, 10 chilometri, in meno di tre quarti d’ora. 
 
Bimba CorreChi sa qualcosa di sport rimane sbalordito di fronte al responso del cronometro; chi non sa dia un’occhiata all’orologio, quando fa una passeggiata di buon passo. Scoprirà che ci vogliono una decina di minuti per fare un chilometro, mentre alla piccola con le lunghe treccine legate da un fiocco rosso, le gambe come due grissini, ne bastano quattro! Pare che nessuno/nessuna alla sua età abbia mai corso così veloce, anche se non esistono statistiche attendibili al riguardo perché i regolamenti sportivi dell’atletica (dettati dal buon senso) non prevedono gare ufficiali cronometrate per i minori.
La bimba infatti si aggrega accompagnata dal papà, va nel mucchio per una passeggiata… Naturalmente negli ambienti specializzati c’è stato il dibattito, alla notizia.
 
Il medico dello sport si è detto contrario perché a quell’età la fatica può condizionare lo sviluppo osseo, anatomico e cardiaco; l’allenatore famoso che spesso lavora in Kenia, terra di campioni del podismo, non si stupisce perché su quelle strade polverose incrocia spesso tanti bambini sgambettare per chilometri, le gambe sono l’unico loro veicolo per andare a scuola; l’animatore dei giovani ricorda che il solo pericolo reale per i giovani, le giovani, fin da piccoli è il non Bimba e PCfare nulla e quindi vada, corra la nostra Laura; l’ex atleta medagliato nel mezzofondo è perplesso, negativo, la corsa è impegno dei muscoli ma anche del cervello, sostiene, e quando si comincia troppo presto a faticare succede poi che all’ora di fare sport per davvero già se ne ha la nausea e ci si lascia poi affascinare dal computer...
E dunque, chi ha ragione? La bimba sta crescendo nel modo giusto? Il papà, interpellato, dice che è lei stessa a insistere, che mentre corre canticchia una poesia e ripassa le tabelline, torna a casa felice, appagata.
 
Per avere risposte più o meno certe dovremo aspettare qualche anno, quando Laura sarà più alta.
Ma almeno una la possiamo già dare: è un esempio che va colto.

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2018

Una sanità a tutto campo

Da Ghirotti alla Carta di Torino

Loc Ghirotti Modificata s.jpg

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...  

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...  
  •  
    XX CONGRESSO
    NAZIONALE
    AIOM 2018
     
    THE BEST CARE
    FOR EVERY PATIENT
     
    Roma
    16-17-18 novembre
    2018
     
    MARRIOTT
    PARK HOTEL
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci