Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Bonatti, il cavaliere errante

Bonatti 65

 
 
 
LA CARTOLINA
 
Di: Augusto Frasca
 
 
 
Moriva 10 anni
fa lo scalatore–mito
ignorato a lungo
come protagonista
della conquista del K2.
                 
 
 
 
 
Moriva 10 anni fa lo scalatore–mito, ignorato a lungo come protagonista della conquista del K2. Restano le cronache, le testimonianze, le memorie, le Museo Montagnascritture, le ceneri nel piccolo cimitero di Porto Venere, le vie e le pareti a suo nome, le migliaia di reperti che mani attente, giorno dopo giorno, toccano ed archiviano, a fianco della Chiesa dei Cappuccini sulla prima collina torinese nella solennità del Museo della montagna titolato a quel grande Italiano che fu il Duca degli Abruzzi.
In quel settembre del 2011, quando Walter Bonatti, ottantunenne, abbandonò il mondo dei vivi, alto s'elevò il necrologio per il cavaliere errante che, diciannovenne, aveva abbandonato la quotidianità borghese di un impiego per abbracciare un'esistenza che si sarebbe nutrita di un gesto reso nobile dalla costante immanenza del rischio, terribile, implacabile placenta pronta a punire, nella solitudine dello spirito, chiunque manchi di rispetto alle leggi di natura.
Anni dopo, nel febbraio del 1965 – inseguito dalla celebrità conquistata sul Grand Capucin, sul Petit Dru, k2sul Gasherbrum IV, sulle rocce del Pilier d'Angle nelle stesse ore in cui nell'Oberland bernese, nell'agosto del 1957, nelle terrificanti concavità dell'Eiger, si consumava il dramma di Stefano Longhi, di Gunther Nothdurft, di Franz Mayer e di Claudio Corti – al termine del riuscito tentativo di aprire una nuova via invernale sul Cervino, Bonatti lasciò con lucidità il suo testamento: <<Quel giorno compresi che sulle montagne non avrei potuto fare di più, salvo accettare le tecniche e gli strumenti che avevo sempre rifiutato>>.
Da allora, novello Achab, la sua vita si aprì ad un interminabile caleidoscopio di esplorazioni, traversando per quindici stagioni territori e continenti, toccando terre descritte da Melville, Defoe, Cechov e Stevenson e Antartidelasciando traccia delle sue avventure, con l'aiuto dell'obbiettivo fotografico, sulle pagine di Epoca e di numerose pubblicazioni. In tanti anni, una linea d'ombra lunga mezzo secolo.
Fu quando nel 1954, tra acide rivalità, venne volutamente ignorato nel rapporto ufficiale il suo ruolo fondamentale nel successo della spedizione italiana sul K2. Gli fu infine riconosciuto, nero su bianco, nel 2004. Incomprensibile nella sua pigrizia morale, quel riconoscimento accompagnò tuttavia l'ultima esistenza di un personaggio che, come altri grandi nella storia dell'alpinismo, aveva trovato la propria misura umana guardando alle montagne come un infinito da affrontare.
 

Cerca nel Sito

GITR - ODV-ETS

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    Notizie Utili
    sul
    Servizio Sanitario
    Nazionale
     
    + CONOSCENZA
    + PREVENZIONE
     
    Leggi tutto...  

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...  
  •  
    tumore?

    MA E VERO CHE...

     
    Gli Oncologi Medici 
    Ti aiutano a smascherare
    le FAKE NEWS
     
    - Cancro:
    cosa si nasconde
    - Cure Alternative
    - Alimentazione
    - Cause e rimedi
    - Piante e vitamine
    - Cancro:
    una malattia moderna
     

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci