Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Sul palcoscenico con un "boa rosso" al collo

 
 
 
Le pazienti
si trasformano...
in attrici

 

Le sfide si affrontano in molti modi, specialmente quando riguardano noi stessi e non gli altri e a maggior ragione se si riferiscono a una malattia che fa paura come il cancro. Bisogna avere coraggio, essere positivi, mettersi in gioco. E’ quanto hanno fatto diciannove formidabili donne che hanno vissuto l’esperienza della malattia oncologica: sono andate in scena a Firenze in un originale spettacolo teatrale dove hanno raccontato la loro storia.

L’opera, intitolata <Il mio corpo è un’opera d’arte – dal cancro al burlesque>, è frutto di un progetto (Women Life Love) che ha raccolto l’impegno di varie associazioni (Lilt, Ispo, Arbus) e di un team di esperti, tra cui medici e psicologi. Colpite da carcinoma al seno, di età ed estrazione sociale diverse, provenienti da varie città toscane, le pazienti-attrici, reduci da un centro di riabilitazione, hanno dimostrato che la vita può ripartire e riservare ancora divertenti sorprese, come ritrovarsi a recitare se stesse in un teatro.

<Non è stata un’impresa facile, sottolinea la regista Francesca Sanità, colpita anche lei dal Grande Nemico, abbiamo avuto momenti di difficoltà e di timore, ma le pazienti-attrici ne sono uscite più forti e determinate>. In scena sono andati ricordi e pensieri delle protagoniste, emozioni e timori sviluppati dal momento della diagnosi alle varie fasi del percorso di cura con il racconto di episodi personali.
C’è un una bella considerazione di Francesca Sanità: <Tutte vogliamo vivere la vita con un boa rosso al collo, qualsiasi cosa ci stia succedendo>.

E allora, dopo un anno di lavoro, via a canti, balli, recitazione, soubrettes col boa rosso in un seguito di “pieces” proposte come laboratorio e spettacolo vivace che ha permesso al gruppo di contrastare l’isolamento e il rischio di emarginazione legato alla malattia.

Un esperimento felice, il teatro, per sua natura, può davvero essere uno strumento espressivo che cura lo spirito e fa prevenzione.

                                                                                                 M.FE
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    Cardio-oncologia,
    un ambulatorio
    dedicato ai pazienti
    di Humanitas Gradenigo
     
    La collaborazione
    tra cardiologi e oncologi
    offre un supporto importante
    ai pazienti in termini di diagnosi,
    prevenzione e trattamento
    delle complicanze cardiovascolari
    delle terapie antitumorali.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...  

  •  Percorsi espressivi
    attraverso arte e cultura
     
    In ogni malato,
    in particolare 
    quello oncologico,
    può essere importante
    stimolare iniziative 
    volte all’espressione 
    del proprio essere
    e del proprio esistere.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci