Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Oncologia e geriatria. Per i pazienti anziani la trappola dei sarcomi dei tessuti molli: ecco com’è la situazione

 
 
 
 
I sarcomi dei tessuti molli
sono tumori rari,
di cui circa il 50%
sono diagnosticati
in persone oltre i 65 anni.
Oncologia e geriatria
stanno affrontando il problema,
quanto mai complesso,
come dimostra questa analisi scientifica
realizzata da Alessandro Comandone
e dal suo team.

 

 
Di: Alessandro Comandone - Antonella Boglione - Paola Bergnolo
     Maria Luisa Sartori - Elena Giubellino - Paolo Pochettino
 
S.C. Oncologia Ospedale Humanitas Gradenigo - Torino
 
Le Premesse
1. Mancanza per gli anziani, di pubblicazioni scientifiche.
2. Il trattamento di pazienti anziani affetti da STM necessita di centri di riferimento e valutazione multidisciplinare.
3. L’anziano giovane in buon performance status può avvalersi delle terapie praticate nel paziente più giovane.
4. Nell’anziano con peggior quadro clinico una decisione personalizzata basata su un dibattito multidisciplinare è l’opzione più equilibrata.
 
Introduzione
I sarcomi dei tessuti molli (STM) sono tumori rari con un’incidenza di 4-5 casi/100.000/anno, ed includono un ampio numero di istotipi diversi, dal comportamento clinico e biologico diverso e dalla prognosi molto variabile. Nell’ultima classificazione della WHO sono compresi più di 50 tipi istologici differenti.
Circa il 50% dei STM sono diagnosticati in persone di età superiore ai 65 anni.
Purtroppo, per motivi storici nella ricerca medica, pochissimi pazienti anziani sono inseriti in studi clinici, e dunque, come conseguenza, sono poche le evidenze desunte da studi controllati da applicare nella pratica clinica quotidiana.
Nel recente studio dell’EORTC [3] che analizza le prime linee di terapia nei pazienti con STM avanzato o metastatico, su 2.636 pazienti inseriti nello studio, solo 274 avevano più di 65 anni e 16 erano più anziani di 75.
Il quesito che ci si è posti in questa revisione di letteratura è il seguente:
possono le Linee Guida redatte per la diagnosi e il trattamento dei STM operabili o metastatici essere applicati alle persone con più di 70 anni?
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash


  •  Percorsi espressivi
    attraverso arte e cultura
     
    In ogni malato,
    in particolare 
    quello oncologico,
    può essere importante
    stimolare iniziative 
    volte all’espressione 
    del proprio essere
    e del proprio esistere.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    Cardio-oncologia,
    un ambulatorio
    dedicato ai pazienti
    di Humanitas Gradenigo
     
    La collaborazione
    tra cardiologi e oncologi
    offre un supporto importante
    ai pazienti in termini di diagnosi,
    prevenzione e trattamento
    delle complicanze cardiovascolari
    delle terapie antitumorali.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci