Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Tumori Rari: 10 Domande e 10 Risposte per Tutti

2017 - Chemioterapia: 100 Domande-100 Risposte

2016 Lettera a Specchio dei Tempi

Lettera del 29 Dicembre 2015 a
Un medico dell'Associazione FARO scrive:

«E così, grazie ad un monologo finora incredibilmente senza contraddittorio, si sono di nuovo accesi i riflettori sui “malati terminali”. «E così, telespettatori e lettori distratti hanno scoperto la nuova frontiera di civiltà: i viaggi in Svizzera per l’eutanasia. 

«Ma date parola, almeno una parola, alle migliaia e migliaia di famiglie i cui congiunti, almeno negli ultimi 30 anni, sono stati seguiti dalle cure palliative. Ai malati e alle loro famiglie che anche oggi, a casa o in hospice, ricevono assistenza, cura, accompagnamento, calore umano, reciprocità. 

«Date voce ai malati che sono morti dignitosamente e senza dolore nella propria casa o in hospice, trovando (a volte nelle ultime settimane o negli ultimi giorni) spazi di vita anche alla fine della vita... Alcuni, li abbiamo conosciuti, giunti in hospice – di cui ignoravano l’esistenza – solo perché gratuito, essendo troppo caro il “viaggio in Svizzera”. E quanto sono state preziose – per loro e per noi – quelle ultime settimane, sorprendenti e inattese. 

«Date voce ai malati che hanno potuto condividere con i curanti e le famiglie la scelta della sedazione palliativa, che non è eutanasia!  

«Date voce al dibattito che in Francia, in Germania, nel Regno Unito ha portato a scelte condivise, di civiltà, di accompagnamento ai morenti senza ucciderli anzi tempo. 

«Date voce a chi – nelle cure palliative – lavora da anni e e anni, a domicilio, negli hospice, negli ospedali, incontrando ogni giorno incredibili “storie” di umanità, e si batte quotidianamente perché la legge venga attuata, garantendo il diritto alle cure palliative come diritto civile e universale. Diritto ancora in gran parte negato. 

«Ridate voce a Gigi Ghirotti, ad Anna Lisa Russo... che sono stati e sono voce di chi non ha voce, e hanno potuto esserlo grazie anche a La Stampa. 

Ferdinando Garetto, Medico Cure Palliative

2018 - Eventi Annuali Gruppo GITR-GPS

Chi Siamo Gruppo GITR-GPS

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2019

Una sanità a tutto campo

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    I NUMERI
    DEL CANCRO
    IN ITALIA
    2019
     
    Un’analisi a 360 gradi
    sui numeri del cancro
    relativi all’anno in corso 
    permette
    a tutti gli attori della sanità
    di pianificare al meglio
    gli interventi necessari.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    RETE ONCOLOGICA
    PIEMONTE
    E VALLE D'AOSTA
     
     
    12
    MODI
    PER RIDURRE
    IL RISCHIO
    DEL CANCRO
     
    SCOPRI IL 
    CODICE EUROPEO
    CONTRO IL CANCRO
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci