Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Una breve opera letteraria per i 40 anni della F.A.R.O.

Libro FARO

 
 
 
L'ANNIVERSARIO
    
Medicina
e narrazione di vissuti
per un comune
percorso di cura.
 
 
Di: Ernesto Bodini 
 
 
 
  
 
 
Chi nel corso della propria esistenza non ha letto almeno una volta una storia di vita vissuta, anche di persone non famose? Forse un tempo si era più avidi nel conoscere qualche biografia, dalla quale attingere esempi di saggezza sia pur contornati da amene curiosità, ma oggi, con l’avvento dei social, queste letture sono state in parte sostituiteLogo Follower dai cosiddetti follower, ossia un’estensione di sostenitori soprattutto dei vip dello spettacolo e dello sport che, spesso, hanno ben poco di saggio da trasmettere.
Personalmente, da quando ho avuto età matura e superato un certo periodo “post collegiale”, in più occasioni mi sono imbattuto in storie di vita vissuta relative a personaggi famosi della storia per il loro impegno sociale, anche non famosi, perché ritengo che tutti hanno da trasmettere qualche messaggio, se non anche qualche insegnamento…
Da alcuni anni, ad esempio, conservo nella mia libreria un volumetto intitolato Storie dalla FARO, edito (nel 2017) proprio dalla stessa in quanto nota Fondazione Onlus (Direttore sanitario il dott. Alessandro Valle) impegnata nella cura e nell’assistenza dei pazienti in fase Assistiti Faroavanzata della malattia ricoverati in hospice o al proprio domicilio, da un pool di medici, infermieri, psicologi e volontari. Si tratta di una raccolta di brevi storie raccontate dagli stessi protagonisti, dai loro stessi pazienti e anche dai rispettivi famigliari, in varie epoche i cui frammenti segnano le tappe della loro vita prima, durante e dopo la malattia.
Queste storie riguardano il periodo a partire dai primi decenni del secolo scorso, offrendo al lettore una descrizione semplice e spontanea di episodi e aneddoti con un denominatore comune: l’amore per i propri cari dagli esordi sino alla fine della loro unione.
Ciò che mi ha colpito, in effetti, è la loro genuinità che oggi è sempre più rara, nella quale è possibile immedesimarsi sino a farsiLogo Faro 40 coinvolgere. Nonostante i vari aspetti della malattia descritti con quel garbo privo di retorica e pietismo, la forza d’animo di ognuno li ha visti sempre più uniti e non è un caso, che tutte queste storie fanno parte della “narrazione come cura” e, come precisa nella introduzione il Gruppo Narrazioni della FARO: «… il narrare, come espressione di sé, aiuta a trascorrere il tempo, a ricordare quanto ne è passato, a valorizzarlo, anche quello che rimane, svelando la straordinarietà dell’ordinario quotidiano… con cui condividere emozioni e valori».
 
Anche volendo “privilegiare” una di queste storie sia dal punto di vista della personale realtà che da quello della profondità dei sentimenti, ritengo non esservi un distinguo Passacuore Faropoiché la dignità è propria di ognuno di loro e al tempo stesso portatrice di un messaggio di speranza…
Inoltre, ciò che ha caratterizzato e caratterizza queste famiglie è la grande e reciproca dedizione, quasi a voler sconfiggere insieme quel male che si è insinuato, trovando al tempo stesso “valorosi” alleati dediti alla loro cura e assistenza, e non di meno conforto.
Ecco che, anche questa modesta ma significativa opera di divulgazione, intende raggiungere “sottilmente” il lettore che seppur “distratto” dal proprio benessere, non può che farsi portavoce tra la massa di storie che hanno curato e curano… anche a fronte di un qualche più che “giustificato” pessimismo.FARO 40 prog
Quest’anno la FARO ha compiuto quarant’anni di attività, che ha celebrato con un convegno svoltosi il 20 ottobre a Torino.
Nata nel 1983, grazie alla passione e alla lungimiranza di due oncologi illuminati, il Prof. Alessandro Calciati ed il Dott. Oscar Bertetto, che valorizzarono già allora l’importanza delle cure palliative per i pazienti oncologici che non avevano prospettive di ulteriori cure specifiche per arrestare l’evoluzione della malattia.
 
40 anni dopo la Fondazione FARO è ancora qui, nel pieno del vigore necessario per portare avanti le numerose attività che consentono di garantire alle famiglie cure palliative di qualità, a casa e in hospice.
 
Fondazione FARO Onlus
Per informazioni: Telefono: 011.888.272 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

#laprioritàseitu

Cosa Abbiamo Fatto nel 2023

Chi Siamo - GITR - O.D.V.

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •  
    tumore?

     

    MA E VERO CHE...

     
    Gli Oncologi Medici 
    Ti aiutano a smascherare
    le FAKE NEWS
     
    - Cancro:
    cosa si nasconde
    - Cure Alternative
    - Alimentazione
    - Cause e rimedi
    - Piante e vitamine
    - Cancro:
    una malattia moderna
     

  • La prevenzione
    rimane un concetto
    difficile da praticare
     
    VACCINI,
    UNA POLEMICA
    TUTTA ITALIANA
     
    Tra tanti esempi positivi
    la sconfitta della poliomielite
     
    Leggi tutto...  
  •   
    100 DOMANDE
            100 RISPOSTE
     
    I SEGRETI DELLA
    CHEMIO-TERAPIA
     
    SVELATI
    IN UN LIBRO
    DELL’AIOM
     
    Leggi tutto...

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online