Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Il vergognoso fenomeno del "Nomenclatore degli ausili e delle protesi" - AGGIORNAMENTO

Ortesi

 
 
 
L'ATTESA
 
Un documento ministeriale
il cui aggiornamento
è fermo al 1999
a discapito
degli erogatori convenzionati
e soprattutto degli invalidi fruitori.
 
 
 
 
Da: Il mio giornale 

Dico la mia - Evidenza - 30 Giugno 2023 - Ernesto Bodini

 
Di: Ernesto Bodini
 
La Sanità pubblica si sta rendendo colpevole di un’altra grande inefficienza: il non totale riconoscimento (dal punto di vista economico) per quanto riguarda la fornitura di ausili protesici ed ortesici agli invalidi civili. In realtà è una vecchia storia in quanto ci si riferisce al cosiddetto Nomenclatore Tariffario degli Ausili e delle Protesi emanato dal Ministero della Salute, il cui aggiornamento è fermo al 1999.
Stampa ProtesiQuesto mancato adeguamento sta penalizzando molti invalidi in quanto avendo bisogno di una ortesi o di una protesi, ottengono sì l’autorizzazione dalla propria Asl, ma se l’importo del presidio supera ciò che è stabilito dal tariffario, la differenza è a carico del fruitore stesso. A questo riguardo va precisato che le Officine Ortopediche convenzionate con la propria Asl regionale, in questi 23 anni hanno avuto a loro volta aumenti di costi relativi al materiale e al personale e, di conseguenza, le loro prestazioni vanno ben al di fuori di quanto stabilito dal Nomenclatore. Ecco che allora il cittadino invalido si trova, ancora una volta, a subire la penalizzazione del SSN e del SSR; ma ciò che rasenta l’assurdo è che gli interessati non hanno fatto alcuna rimostranza scritta agli Enti preposti ossia alle Asl, agli Assessorati alla Sanità, al Ministero della Salute, etc.
Se la situazione tendesse a non risolversi sarebbe utile che tutti i cittadini chiedessero alla propria Regione di visionare i bilanci in materia di Sanità Pubblica, ma purtroppo ho la matematica certezza che ciò non accadrà mai. Ma ancora più disdicevole è che non ci siano associazioni che si pongano a difesa del cittadino per questi diritti negati totalmente o parzialmente, di conseguenza si tratterà di attendere ancora e, nel frattempo, molti rinunceranno alla prestazione oppure chi può userà i propri risparmi come per altre prestazioni sanitarie (visite specialistiche, esami strumentali, etc.).
Il fatto che la nostra salute e la nostra vita sia a “discrezione” della politica è un fatto che va in controtendenza con la nostra Costituzione, e, come recita il secondo paragrafo della stessa, tocca allo Stato rimuovere gli ostacoli che ledono i diritti dei cittadini, e lasciare intatto quel benedetto Nomenclatore è proprio uno degli ostacoli da rimuovere.
 
Poi ci si lamenta che la popolazione invecchia, che aumentano i malati cronici e gli invalidi, che calano le nascite, ma nessuno ci ha mai informato degli esiti in merito alle migliaia di falsi invalidiStampelle scoperti alcuni anni fa, soprattutto nel sud. Si dice inoltre che mancano i fondi per questo o quel provvedimento, ma chi si è mai permesso di controllare i bilanci dello Stato? E se anche di diritto, di fatto è praticamente impossibile per una serie di ragioni che si possono ben comprendere. Da qui in poi, ogni voce che si eleva si perde nell’oasi di
un deserto, una voce che non prevede nemmeno l’eco e di conseguenza il cittadino inerme resta alla mercé di un sistema di sudditanza, se non anche vessatorio, in attesa di finire i suoi giorni… e solo dopo, forse, quel benedetto Nomenclatore sarà aggiornato probabilmente a favore dei superstiti e delle generazioni future di invalidi civili.
In compenso, però, ogni Asl si fa bella annunciando di tanto in tanto la inaugurazione di una nuova struttura sanitaria con tanto di taglio del nastro; una coreografia che ha della mera teatralità cui seguono applausi e riconoscimenti al politico che ha portato a termine tale iniziativa (al cittadino non interessano queste presentazioni ufficiali, sono sufficienti le normali comunicazioni “di servizio”, mentre interessa l’erogazione delle prestazioni sanitarie del SSN). È dunque questa la Sanità che si vuole? Non direi! I cittadini-pazienti, o potenzialmente tali, hanno bisogno di Protesi manouna Sanità Pubblica che garantisca loro cure e assistenza in tempo reale… senza lustrini e merletti, come pure la fornitura degli ausili di cui hanno bisogno per restare vivi e attivi nella società. Intanto, la Sanità privata continua ad imporsi facendo affari d’oro, grazie anche all’esodo dei sanitari dalla Sanità pubblica, un fuggi-fuggi che i pazienti meno abbienti non riescono a rincorrere se non pagando in tempi immediati significative parcelle.
 
In buona sostanza, rispettare le Leggi? Sempre, ma se tutti i cittadini fossero coerenti con quanto lamentano, dovrebbero agire (individualmente) per raccomandata A/R quale esposto-denuncia per mancata assistenza e, in sub-ordine, per omissione in atti di ufficio.
  
 
 AGGIORNAMENTO
 
In attesa del DCPM 12/1/2017 in vigore dal "2024"
 
Nomenclatore Tariffario
 
 
L'AGGIORNAMENTO 
 
 
Nel frattempo
chi ha bisogno
di fruire di beni e servizi
può attendere
o affrontare il problema
rivolgendosi ai designati responsabili
non a voce, ma per iscritto.
 
 
Da: Il mio giornale 

Dico la mia - Evidenza - 22 Luglio 2023 - Ernesto Bodini

Di: Ernesto Bodini

In merito al mio articolo dal titolo “Il vergognoso fenomeno del Nomenclatore Tariffario degli Ausili e delle Protesi” (D.M. 27/8/1999 n.332), del Giugno scorso, rilevo dai siti online l’esistenza Gazzetta Ufficiale 1999del DPCM del 2017 sui nuovi LEA riguardanti l’assistenza protesica.
Tali LEA avrebbero modificato la classificazione degli ausili prevista dal precedente elenco, ossia quello che non è stato aggiornato dal 1999. Se nel nuovo provvedimento, in divenire, sono stati eliminati alcuni prodotti e magari inclusi di nuovi, al pubblico al momento non è dato sapere quali siano e tanto meno i corrispettivi costi, pare quindi che bisognerà attendere ancora sino al prossimo anno, ma nel frattempo chi sinora ha avuto (ed ha) bisogno del rinnovo di una fornitura ortesica o protesica, si è visto limitare l’autorizzazione in quanto i preventivi presentati dagli erogatori sanitari accreditati superavano l’importo consentito a carico del SSN/SSR, e ciò proprio a causa del Nomenclatore non aggiornato dal 1999.
Va da sé che ogni provvedimento legislativo è subordinato a determinate scelte politiche, e poiché il comparto sanitario-assistenziale è uno dei più onerosi, i fruitori di questi beni e servizi sono ancora in attesa…, come dimostra il mancato aggiornamento da 23 anni del Nomenclatore in questione, e se anche qualche scudo si è levato da parte di una o più associazione, poco o nulla hanno influito anche perché, come ripeto da sempre, non mi risulta che i soggetti interessati si siano attivati con esposti e/o denunce per mancata assistenza… In circostanze come questa non serve scendere in piazza con cortei o altre iniziative plateali (espressioni di mero pietismo!), ma rispettando le Leggi è utile avvalersi dell’unico strumento: esporre e denunciare la mancata o ritardata assistenza che si sta subendo con Raccomandata A/R da indirizzarsi ai destinatari preposti alla osservanza di dette Leggi con richiesta (scritta) di riscontro entro 30 giorni, in assenza della quale gli stessi vanno incontro al reato di omissione. Corte europeaE il persistere di questo inadeguamento rientra nella mancanza di rispetto dei diritti civili del cittadino-invalido e quindi della sua dignità, che se crede può segnalare il fatto alla Corte Europea dei Diritti Umani (Cedu) di Strasburgo con una semplice raccomandata (scritta anche in italiano) ed eventualmente poi proseguire con un vero e proprio ricorso (sic!). Questo esempio, come del resto tanti altri analoghi, rientra nel concetto di cultura che il cittadino medio, a mio avviso, non ha mai acquisito e ciò è indice di una carenza riprovevole proprio perché, rispetto ad un tempo, le fonti di informazione non mancano e di conseguenza si perde del tempo venendo meno al rispetto dei diritti. L’Italia, è il caso di rammentare, è l’unica nazione al mondo che abbonda di Leggi, parte delle quali sono ormai obsolete o comunque inutili e, per quanto in gran parte di impronta civile e democratica, non è sempre facile interpretarle tanto da dover ricorrere a consulenze legali, ma ciò è assurdo per addivenire al rispetto di Riunione Nomenclatoreun diritto che in fatto di salute non dovrebbe essere discutibile. Se si è affetti da una patologia e si ha bisogno di una cura, così come di una qualunque forma di assistenza per una migliore condizione di vita privata e di relazione, non c’è alcuna giustificazione per ritardare gli eventuali ed opportuni provvedimenti.
Ma tornando alla questione del Nomenclatore Tariffario dei LEA e degli Ausili, nel frattempo chi ha bisogno di fruire degli stessi è bene che si armi di pazienza e si accinga a scrivere e spedire quella benedetta Raccomandata A/R, diversamente attenda “i comodi” della politica, i cui esponenti di tanto in tanto farebbero bene ad entrare direttamente nel merito: la sofferenza di un malato e i bisogni di un disabile si comprendono meglio (e più responsabilmente) allontanandosi dal proprio scranno… di potere.
 
Ultima considerazione: in merito a questa realtà sto constatando che è molto scarsa l’unione e la condivisione tra tutti gli interessati al problema in questione (in primis gli stessi invalidi), sintomo di quel “qualunquismo” che allontana sempre più il malato e il disabile gli uni dagli altri.
 
 
 
 

Cerca nel Sito

Il Manuale del Caregiver

Aiutaci con il 5 x 1.000

Cosa Abbiamo Fatto nel 2022

Chi Siamo - GITR - ODV-ETS

Nomenclatore Tariffario Protesi

Ma è vero che?

Notizie Flash

  •   
    100 DOMANDE
            100 RISPOSTE
     
    I SEGRETI DELLA
    CHEMIO-TERAPIA
     
    SVELATI
    IN UN LIBRO
    DELL’AIOM
     
    Leggi tutto...  
  •  
    tumore?

     

    MA E VERO CHE...

     
    Gli Oncologi Medici 
    Ti aiutano a smascherare
    le FAKE NEWS
     
    - Cancro:
    cosa si nasconde
    - Cure Alternative
    - Alimentazione
    - Cause e rimedi
    - Piante e vitamine
    - Cancro:
    una malattia moderna
     
  •  
    MELANOMA
    CUTANEO
     
    INFORMAZIONI
    PER I PAZIENTI
     
    Un Quaderno
    della Fondazione AIOM
    a cura di Alessandro Minisini
     
    Dipartimento Oncologia
    Azienda Sanitaria Universitaria
    Friuli Centrale - Udine
     
    Leggi tutto...

Una sanità a tutto campo

AVIS - Inserto S.S.N.

100 Domande 100 Risposte

Chi è on-line

Abbiamo 9 visitatori e nessun utente online