Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

E Ora cosa Mangio? Consigli Alimentari

Ora puoi scaricare da Qui Consigli e Ricette

2016 - XX° Convegno ISG a Roma, il Gruppo GITR in primo piano

 

Psiconcologia e tumori rari,
come proteggere il malato.
 
di Monica Seminara
 
Nei giorni scorsi Roma ha ospitato la XXa riunione annuale dell'Italian Sarcoma Group. Nove le sessioni, ricche di argomenti di alto rilievo, esposti da professionisti specialisti del settore provenienti da tutto il  Paese.
Un momento di incontro e di scambio culturale, consueto e prezioso, per condividere gli sviluppi scientifici e rafforzare la motivazione dei medici nella lotta contro un nemico comune.
In primo piano l'obiettivo di mettere in campo un nuovo punto di vista attraverso il quale approcciarsi al paziente oncologico colpito da un tumore raro, ma non solo.
L'organizzazione dell'iniziativa ha  dato anche spazio alla messa in luce delle dimensioni psiconcologiche e psicosociali implicate nell'esperienza di malattia a carico del paziente e della famiglia tutta.
 
La sottoscritta, psiconcologa del Gruppo GITR, ha avuto l'opportunità di presentare, a tal proposito, una relazione dal titolo <La protezione psicologica del malato e della sua famiglia> e di mettere così  l'accento sul lavoro in materia in atto da anni presso la Struttura Complessa di Oncologia medica dell’Ospedale Humanitas Gradenigo di Torino, evidenziando obiettivi, strumenti, metodi e risultati. La relazione - che si allega- ha posto in risalto gli aspetti psiconcologici rilevanti nell'approccio al paziente di tumore raro e al suo nucleo familiare e ai loro bisogni prevalenti sul versante alla dimensione psicologica e psicosociale. Si è descritta l’attività operativa attraverso cui si opera nel quotidiano, sostenuta dal GITR in accordo con la Rete oncologica del Piemonte e Valle d'Aosta - Progetto Protezione Famiglia rivolto a famiglie fragili e ai congiunti ammalati -, attività volta a fornire strumenti e risposte utili alla gestione della complessità dell'esperienza di malattia specifica, nelle sue diverse fasi.
 
Una proposta di sguardo multidimensionale che ha avuto anche l'intenzione di far convergere le branche specialistiche nella direzione, comune a tutte, di considerare il canale umano come punto di partenza e di arrivo di tutti gli sguardi professionali, scientifici specifici e mirati che, dai diversi punti di vista, affrontano il sarcoma come problema.
Una attenzione psiconcologica specialistica, umanizzata e umanizzante, è stata dedicata ai sanitari, impiegati in una professione ad alto coinvolgimento emotivo, per le implicazioni psicologiche soggettive e per l'alto investimento emotivo/affettivo riposto dai malati nella relazione tra medico e paziente.

Durante la relazione si è percepito come l’attenzione fosse alta, partecipata e coinvolta. L'intenzione è stata quella di incrementare il grado di consapevolezza sugli aspetti su indicati per condividere cultura da un punto di vista diverso - quello psiconcologico - ormai riconosciuto, contemplato e integrato nella cultura sanitaria e oncologica in particolare. L'indirizzo dato al discorso ha voluto  altresì offrire stimoli, riflessioni e strumenti per consentire ai professionisti uno sguardo personalizzabile, il più possibile sintonico e comprensivo dell'esperienza dei loro malati, in ottica globale e multidimensionale.
La sensazione è stata quella di esserci riusciti. La gratitudine per l'opportunità di ascolto ricevuta si unisce all’impegno di fare sempre meglio.
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    OPEN DAY
    GIST
     
    Incontri dedicati
    ai pazienti con GIST
    e ai loro familiari ed amici 
     
    Sabato 27 Gennaio
    Accademia di Medicina
    di Torino
    Via Po,18 - Torino
    Ore 9.00
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci

Incontri Fondazione Marazza