Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Medicina, l'assalto alla diligenza

Diligenza
 
 
IL PROBLEMA
 
Truffe
e cure <miracolose>
per spillare soldi
ai malati
 
 
Di: Michele Fenu
 
Nei vecchi film western non mancava mai l’assalto alla diligenza da parte dei banditi o degli indiani. Purtroppo, accade anche oggi, ma in un altro campo, assai più importante: quello della medicina. Non è certo un fenomeno nuovo, ma ha assunto dimensioni imponenti e l’Italia ne è coinvolta. In questi anni abbiamo dovuto registrare episodi di ogni tipo, caratterizzati da mancanza di scrupoli, cinismo, non rispetto delle leggi.
 
Come sempre l’avidità e la ricerca di immeritati guadagni ha mosso molti personaggi innescando un meccanismo particolarmente perverso, perché nel mirino sono finiti migliaia di malati e le loro famiglie. Persone disperate per se stesse o per i loro parenti che di fronte a diagnosi drammatiche o a cure non risolutive hanno cercato soluzioni alternative, finendo nelle mani di chi nel campo della medicina vedeva solo la possibilità di realizzare un disonesto business.
Ecco, tanto per citare qualche esempio degli ultimi decenni, i <miracolosi> rimedi contro i tumori, i pseudo metodi per debellare patologie incurabili nei bambini, le allucinanti diete propinate a uomini e donne già in grave difficoltà, e, bisogna ammetterlo, chi operava fuori dagli schemi consolidati da fior di studi 
Bufalae ricerche, farmaci innovativi, tecnologie avanzate, esperienze del mondo sanitario globale, era talora un professionista che si illudeva di aver trovato nuove strade avveniristiche.
Lasciamo Barnard a Barnard o Einstein a Einstein.
 
La realtà, come sappiamo, si è dimostrata un’altra, doppiamente amara, come emerge dalle testimonianze di chi si è consegnato o è finito, direttamente o indirettamente, in mani disoneste e dall’esito dei processi intentati dai tribunali dopo le solite polemiche all’italiana. Si dice che il tempo faccia giustizia, ma ci auguriamo che le persone alle prese con patologie come il cancro siano caute e in sintonia con i loro medici.
 

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •  
    I lunedì pomeriggio
    della Prevenzione
    e della Salute
     
    Prevenire per migliorare
    la qualità della vita
     
    Università di Torino
    Centro di
    Biotecnologie Molecolari
    Via Nizza, 52 - Torino
     
    Leggi tutto...  
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  
  •  
    NELLA CIVILTÀ
    DEGLI SPRECHI
    SALVIAMO ALMENO 
     
    I FARMACI
     
    CHE NON SONO
    ANCORA SCADUTI
     
    Si dice, con ragione, che la nostra sia la civiltà degli sprechi. Purtroppo, tra i tanti si devono annotare i farmaci.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci