Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Apprensione e desiderio del Paziente

Primario
 
IL RIFERIMENTO
 
Diagnosi, terapie
ed effetti psicologici.
 
Se il Capo è sempre presente
il paziente si sente più sicuro
e segue le cure con  impegno
 
Bodcompliance
 
Di: Ernesto Bodini
 
"Quando un clinico nelle sue funzioni di primariato o di “precurosore” della diagnostica e della terapia, rappresenta la compliance per un maggior effetto... terapeutico."
 
Non è raro imbattersi nella convinzione (ormai forse di tutti) che taluni progressi della medicina e della chirurgia vengono qualificati come “miracoli”. La scoperta del vaccino antivaioloso di Edward Jenner (1749-1823) o quella del vaccino contro la poliomielite di Albert B. Sabin (1906-1993) ci sembravano ieri, e ancora oggi, qualcosa di più di miracoli metaforici, e le tecniche di trapianto d’organi sono una ulteriore conferma per avvicinarsi a quel misterioso potere divino di cui fa riferimento la Bibbia in merito alla creazione della donna... e dell’uomo.
Ma vi sono altri progressi della scienza medica che ci inducono a classificarli come miracoli, visti i risultati sia in fatto di diagnosi che di terapia di alcune malattie, anche rare. Tutto questo si riconduce alla maestosità della mente umana e alla sua lungimiranza, nella fattispecie dell’uomo-medico (clinico e ricercatore) che ha fatto propria la sua scelta per soccorrere i suoi simili.

Laiuto

Però, bastano la capacità tecnica, l’intuito e l’esperienza a “soddisfare” le esigenze del paziente? Di primo acchito verrebbe da dire di sì, ma in realtà il paziente, specie se il suo stato di salute si protrae e presenta incertezze nel suo decorso, in alcuni casi non è pienamente appagato perché ancora persiste quel recondito ed invocato desiderio di essere visitato periodicamente non solo dai medici di turno, ma anche da quella apicale figura che ancora oggi identifichiamo come primario (direttore di Struttura Complessa e/o capo Dipartimento), talvolta il suo primo interlocutore che ha fatto la diagnosi ma che poi si allontana per lavorare nel suo studio, nella clinica privata o in altri ambiti dell’ospedale. Ecco che, in questi casi, il paziente lamenta una assenza di un più “confortevole” riferimento come se rappresentasse la massima garanzia di una possibile guarigione o della stabilità della patologia in corso.
 
Ma è proprio un diritto esigere l’attenzione, sia pur a cadenza periodica, di quello che si crede essere un luminare e al tempo stesso immaginare di “secondo piano” i suoi collaboratori di corsia o di ambulatorio? È certamente un bel quesito la cui risposta implica una notazione di fondo: il medico non può non considerare il suo paziente nella sua interezza psiche/soma e quindi non rendersi conto della complessità psicologica di tale relazione. Le esigenze del malato, termine a mio avviso assai più affine per questo contesto, quasi sempre vanno oltre la diagnosi e la terapia poiché la considerazione in toto anche da parte della figura “principe” rappresenta per lui una sorta di completamento per il suo benessere dato da una maggior voglia di lottare contro la malattia, anche se l’esito pare scontato...
Questo desiderio di essere visitato di tanto in tanto anche da colui che si è dimostrato essere il “miglior” punto di riferimento, dovrebbe essere quindi soppesato dimostrando più comprensione, ma ancora prima immedesimazione e soprattutto disponibilità poiché il dolore e l’incertezza svestono l’uomo, lo rendono trasparente. E ben si sa che quando si parla di medico ideale il traguardo è irraggiungibile, ma il tendervi è l’unico modo consentito all’uomo di conseguirlo almeno in parte.

Ritengo quindi che la figura del clinico “in auge” possa essere visto come il “dottore disponibile”, ovvero disposto a comprendere il paziente nella sua interezza, non solo conoscendo la sua macchina corporea, il suo organismo fisico, ma anche condividendo i suoi problemi con sguardo e riguardo per la sua persona, senza nulla togliere al ruolo dei suoi colleghi di èquipe. E quando il malato potrà dire: «Mi sta seguendo anche il primario», quasi certamente la compliance è assicurata! Ovvero, l’adesione al programma medico al massimo livello malgrado la vastità degli impegni, del <Capo>.

Cerca nel Sito

Cosa abbiamo fatto nel 2017

100 Domande 100 Risposte

Notizie Flash

  •   
    100 DOMANDE
            100 RISPOSTE
     
    I SEGRETI DELLA
    CHEMIO-TERAPIA
     
    SVELATI
    IN UN LIBRO
    DELL’AIOM
     
    Leggi tutto...  
  •  
    Cardio-oncologia,
    un ambulatorio
    dedicato ai pazienti
    di Humanitas Gradenigo
     
    La collaborazione
    tra cardiologi e oncologi
    offre un supporto importante
    ai pazienti in termini di diagnosi,
    prevenzione e trattamento
    delle complicanze cardiovascolari
    delle terapie antitumorali.
     
    Leggi tutto...  
  •   
    La Farmacia Oncologica
    e il ruolo del Farmacista
     
    Necessaria una più stretta
    collaborazione
    tra le diverse figure
    professionali della Sanità
    dopo la riclassificazione
    dei farmaci ex OSP 2.
     
    Leggi tutto...

Salviamo i Farmaci