Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. 
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Get Adobe Flash player

Acquistare un libro e "omaggiarlo" ad un anonimo lettore

Libro Regalo
 
LA SORPRESA
 
A Torino l’esempio
di un anonimo acquirente
che ha dedicato
un libro acquistato,
lasciando al libraio
“l’onere” di omaggiarlo
ad un altrettanto
anonimo lettore.
 
Di: Ernesto Bodini
 
In un mondo sempre più stanco, privo di quelle virtù come quella tra le più nobili che è il piacere della lettura, continuiamo ad assistere al suo decadimento e con esso alla chiusura di librerie che, a Torino ad esempio, sino a non molti anni fa, prosperavano per numero e soprattutto per ricchezza e originalità di titoli.
Una sorta di “concorrenza” ai doveri dell’istruzione, quindi un compendio utile alla crescita individuale e collettiva, sia dal punto di vista della conoscenza che del sapere. Ma tant’è... In questa sperduta oasi della “micro” cultura non mancano imprevisti e originalità come quello descritto in questi giorni da un’articolista de’ La Stampa, che racconta di un anonimo romantico che si aggira per le librerie della città. «Accarezza le copertine – spiega sinteticamente –, sfoglia le pagine, sceglie un titolo e lo porta alla cassa dove scrive una dedica e chiede una confezione regalo. Poi lascia tutto lì, libro, parole e identità: “Regalatelo a qualcuno, ma sceglietelo bene”. E a quel punto si allontana». 
Un contributo per “incentivare” a leggere davvero originale, si direbbe, e proprio per questo non solo fa riflettere, ma quasi quasi verrebbe voglia di imitarlo, non fosse altro che per richiamare l’attenzione sul grave problema della scarsa cultura: il 60% della popolazione italiana non legge un libro all’anno (tra questi probabilmente rientrano i circa 4 milioni di analfabeti di ritorno), oltre a librai e dipendenti che hanno dovuto abbassare la saracinesca. Ne consegue quindi una sorta di recessione dello sviluppo interiore oltre che culturale, con la prospettiva futura, a mio avviso, di essere superati da popolazioni che sino ad oggi abbiamo considerato a noi “inferiori”.
È risaputo che, indipendentemente dal proprio percorso di istruzione, la lettura produce effetti benefici, immediati o meno, anche in pazienti che nelLibreria corso della loro malattia cercano un conforto o più semplicemente una “distrazione” della mente; ad alcuni di essi fa pure bene lo scrivere sia pure una semplice poesia... Riuscire a leggere nonostante il male significa già aver vinto in parte la lotta contro di esso, e concentrarsi su ciò che si sta leggendo significa essere riuscii a deviare il corso dei pensieri da sé stessi e dal male.
Ma per tutti, seppellirsi fra buoni libri e leggerli spesso, sviluppare la sete dell’inchiostro da stampa e saziarsi leggendo, è quanto mai appagante perché dai libri sgorga la fonte della giovinezza che pochi hanno scoperto. Per tutte queste ragioni io credo che frequentare una biblioteca e quel che resta delle librerie, o stare più comodamente su un divano con buon libro fra le mani, sia più utile che stare di fronte alla televisione per tutto il giorno. Una sorta di “dinamismo intellettuale” per contrastare un nemico che non è intellettuale, ovvero l’ignoranza... soprattutto attiva.
E se qualcuno volesse peccare di originalità perché non acquistare un libro (dall’intelligente titolo), pagarlo alla cassa, scrivere una dedica per il lettore al quale il libraio vorrà omaggiarlo?
Una provocazione?
Forse, ma sarebbe un gesto carico di “lodevole” responsabilità!

SCARICA L'ARTICOLO IN FORMATO PDF 

Cerca nel Sito

100 Domande 100 Risposte

Prevenzione Tumori

Notizie Flash

  •  
    OPEN DAY
    GIST MILANO
     
    16 Febbraio 2019
    alle ore 10
     
    presso
    Spazio Event - CN L'HUB
     
    Via Luigi Mengoni, 3
    20152 MILANO
    (MM1 BISCEGLIE)
      
    Un incontro tra medici e pazienti.
    Al di là della corsia d’ospedale e del camice bianco,
    per educare, raccontare e raccontarsi.
     
  •  
    TUMORI RARI,
    GRIDO DI ALLARME
     
    Nel Rapporto 2015
    di AIRTUM-AIOM
    cifre preoccupanti.
    Nel 2015 registrati
    89.000 nuovi casi,
    900.000 i pazienti in Italia.
    Difficoltà di diagnosi e cure,
    le strade da seguire.
     
    Leggi tutto...  

  •  Percorsi espressivi
    attraverso arte e cultura
     
    In ogni malato,
    in particolare 
    quello oncologico,
    può essere importante
    stimolare iniziative 
    volte all’espressione 
    del proprio essere
    e del proprio esistere.
     
    Leggi tutto...

Ma è vero che?

Salviamo i Farmaci